SERVICES

Shipping automation, una lunga strada da fare / ANALISI

Genova - Le grandi aziende del settore sempre più impegnate nella sfida con nuovi progetti tra benefici e rischi

Genova - Negli ultimi due anni, e in particolare dalla metà del 2017, sono cresciuti in numero e importanza le iniziative e i progetti di shipping automation (terminal robotizzati, Digital Ship, Autonomous Vessel, ecc). Come sanno gli esperti, i professionisti, gli operatori e il personale, il settore dello shipping non è stato tra i più rapidi nell’adottare tecnologie innovative, a causa della sua caratteristica tipicamente conservatrice, del numero e diversità di mansioni e sistemi attivi e dei molti operatori coinvolti.

Le grandi società di automazione&logistica, digitalizzazione e robotica, d’altra parte, trovano nel settore shipping&logistica marittimi un campo aperto, relativamente scoperto e interessato a risparmiare sui costi e premuto dalla concorrenza. La pressione sul settore per una completa automazione dei container terminal è notevole, ed è dovuta sia a motivi interni allo sviluppo del settore sia alla necessità di adeguare i terminal e le loro operazioni alle attuali norme di safety, security e sostenibilità.

Sono in corso diversi progetti di full automated terminal. Inoltre, estendere le operazioni automatiche o robotiche dai terminal alle navi ridurrebbe ulteriormente i costi di personale e renderebbe possibile la trasformazione delle stesse in puri carrier, con spazio addizionale per i container il che, associato a miglioramenti nel fuel e nei materiali di composizione delle navi tesi ad alleggerirne lo scafo, ottimizzerebbe ulteriormente le operazioni. Inoltre, una migliore raccolta e analisi dei dati potrebbero generare un miglioramento della produttività, come nel caso assai avanzato del trasporto aereo.
Acquista una copia digitale di TTM per continuare la lettura

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››