SERVICES

Trump pensa di ridurre le importazioni di acciaio

Washington - L’amministrazione Trump intende rispolverare una legge del 1962 che potrebbe portare a bloccare o ridurre le importazioni di acciaio.

Washington - L’amministrazione Trump intende rispolverare una legge del 1962 che potrebbe portare a bloccare o ridurre le importazioni di acciaio. Lo scrivono i media Usa, secondo cui il presidente dovrebbe firmare oggi un provvedimento per chiedere al dipartimento del commercio una indagine in base al “Trade expansion act” per verificare se certe importazioni minacciano la sicurezza nazionale. Minaccia che consentirebbe di imporre sanzioni commerciali di emergenza. Secondo alcune fonti del Wsj, l’iniziativa potrebbe riguardare altri prodotti ritenuti «importanti per la difesa». Gli Usa non hanno più utilizzato questa legge dalla nascita nel 1995 del Wto, che scoraggia le sanzioni unilaterali ma che Trump ha più volte criticato, anche recentemente, definendolo «un altro dei nostri disastri».

L’eccesso di produzione cinese di acciaio è visto come una minaccia a lungo termine per l’industria del settore americana ma non è chiaro se le eventuali misure riguarderanno un singolo Paese o tutti. Tra i maggiori fornitori di acciaio agli Usa ci sono Canada, Brasile, Corea del sud, Messico, Giappone e Germania.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››