SERVICES

Standard and Poor’s: «Nessun rischio per le banche del Qatar»

Roma - Le banche del Qatar sono abbastanza forti per sopravvivere a un’eventuale fuga di capitali dei paesi del Golfo a seguito del bando imposto da diversi paesi arabi.

Roma - Le banche del Qatar sono abbastanza forti per sopravvivere a un’eventuale fuga di capitali dei paesi del Golfo a seguito del bando imposto da diversi paesi arabi. È quanto scrive l’agenzia Standard and Poor’s in un rapporto esaminato da Bloomberg secondo cui i depositi e le altre forme di raccolta rappresentano circa l’8% delle passività totali pari a circa 20 miliardi di dollari. Per il momento comunque, malgrado la chiusura delle frontiere e la rottura dei rapporti diplomatici da parte dei vicini, non c’è stato un ordine di rientro dei capitali dalle banche del Qatar.
Solo la banca centrale dell’Arabia Saudita ha disposto alle banche di non aumentare la loro esposizione verso quelle qatariote. Il debito totale esterno delle banche del paese è pari a 50 miliardi di dollari e S&P ritiene che gli istituti di credito possano far fronte a una «significativa» sua riduzione.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››