SERVICES

Liguria, 30 milioni a disposizione delle pmi

Genova - Operativo il progetto “Restart”: poca burocrazia e crediti a tassi agevolati per chi vuole investire. L’iniziativa di Unicredit e Rete Fidi. Caviglia (Camera di Commercio): «L’ideale per chi vuole innovare»

Genova - Unicredit - con la garanzia di Rete Fidi Liguria - mette a disposizione delle imprese liguri un pacchetto di finanziamenti per un importo complessivo di 30 milioni di euro. Le operazioni andranno da 18 a 60 mesi, con un periodo di preammortamento fisso fino al 31 dicembre 2018, erogabili sia a fronte di esigenze di liquidità che d’investimento, per importi da un minimo di diecimila euro fino ad un massimo di mezzo milione di euro. Obiettivo del nuovo plafond “Restart”, hanno spiegato ieri a Genova i vertici dell’istituto di credito, è quello di fornire alle aziende del territorio uno strumento di accesso al credito a «condizioni estremamente favorevoli rispetto ai finanziamenti ordinari» che permetta alle imprese di poter fare nuovi investimenti nell’ottica di una futura crescita economica. Gli imprenditori liguri potranno rivolgersi direttamente alle filiali di Unicredit oppure a Rete Fidi per presentare domanda di finanziamento e avere, si legge in una nota, un processo di valutazione particolarmente rapido che «consentirà alle imprese di poter avere l’esito della valutazione creditizia nel giro di pochi giorni».

L’iniziativa è stata presentata nella Sala Dorata della Camera di Commercio. «Questa operazione - ha commentato Maurizio Caviglia, segretario generale dell’ente camerale genovese - è rivolta alle numerosissime micro e piccole imprese che potranno facilmente accedere al credito tramite uno strumento fortemente semplificato nelle procedure, in un momento storico in cui tra le nuove sfide che gli imprenditori devono affrontare c’è quella che riguarda l’innovazione tecnologica nell’era dell’industria 4.0».

L’iniziativa è rivolta a tutti i comparti del tessuto produttivo ligure, con la sola eccezione del settore agricolo, e non prevede limiti di fatturato o dimensioni per le aziende che possono richiedere finanziamenti. «Ci auguriamo - ha detto Stefano Gallo, responsabile Nord-Ovest di Unicredit - di poter presentare in futuro altre novità di questo tipo, magari mettendo a disposizione degli imprenditori anche importi superiori agli attuali 30 milioni di euro, che sono comunque un buon inizio». «Il plafond “Restart” - ha sottolineato Luigi Attanasio, presidente di Rete Fidi Liguria - garantisce un ruolo fondamentale all’interno del processo di rinnovamento che Rete Fidi sta portando avanti nell’interesse delle imprese, con l’obiettivo di adeguare il ruolo dei confidi all’evoluzione che sta attraversando il mercato del credito per le imprese di piccole dimensioni». I finanziamenti, essendo erogati da due soggetti privati, non comportano aiuti di Stato con assorbimento di quote del plafond.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››