SERVICES

Tecnologia e navi nei piani di Pechino / L’ANALISI

Genova - La Liguria, dal punto vista industriale, non si differenzia dal resto d’Italia dove - negli ultimi anni - si è registrato un costante aumento degli investimenti cinesi. Ultimo esempio, ma solo in ordine di tempo, è il passaggio dell’azienda Esaote a un consorzio di investitori asiatici

Genova - La Liguria, dal punto vista industriale, non si differenzia dal resto d’Italia dove - negli ultimi anni - si è registrato un costante aumento degli investimenti cinesi.

Ultimo esempio, ma solo in ordine di tempo, è il passaggio dell’azienda Esaote - leader a livello internazionale nel settore delle apparecchiature biomedicali – ad un consorzio di investitori asiatici, composto da sei fra società leader nel settore della tecnologia medicale e fondi di investimento con esperienze nel settore sanitario. Accanto a trattative già concluse ce ne sono poi altre che potrebbero andare in porto: è il caso di Piaggio Aerospace, azienda aeronautica con stabilimenti a Genova e Villanova d’Albenga. L’attuale proprietà potrebbe accettare l’offerta d’acquisto di Pac Investment, società registrata in Lussemburgo ma supportata da investitori cinesi, come anticipato dal Secolo XIX. Per il resto sono nove le grandi aziende liguri partecipate da capitali cinesi: cinque con partecipazione minoritaria (Ansaldo Energia, Sanlorenzo, Alphaomega, Coscos, Terminal Vado Ligure), una paritetica (Coscon Italy) e tre con quote di controllo (Oocl Italy, Baosteel Italia Distribution Center, Florens Container Services Italy). A queste si può aggiungere anche il gruppo Ferretti, controllato da capitali cinesi, che pur non avendo il suo quartier generale in Liguria ma a Forlì, controlla comunque il cantiere Riva alla Spezia, e sottrarre la società China Shipping, chiusa a seguito della fusione, decisa a Pechino, con il gruppo Cosco.

Nel suo rapporto con i capitali cinesi la Liguria presenta poi un elemento di unicità, e cioè la partecipazione quasi esclusiva a soggetti di medie-grandi dimensioni, almeno in rapporto a un panorama fortemente polverizzato come quelle delle imprese regionali.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››