SERVICES

«Meno debito se ci fossero i titoli europei»

Venezia - «Una riduzione dei debiti pubblici dell’area euro più veloce di quella garantita da politiche di bilancio prudenti potrebbe essere realizzata con l’emissione di titoli di debito europei». A sostenerlo, parlando al congresso dell’Assiom Forex a Verona, il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco

Venezia - «Una riduzione dei debiti pubblici dell’area euro più veloce di quella garantita da politiche di bilancio prudenti potrebbe essere realizzata con l’emissione di titoli di debito europei». A sostenerlo, parlando al congresso dell’Assiom Forex a Verona, il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco.

Questi titoli, ha aggiunto, dovrebbero essere «finalizzati a ritirare dal mercato, con modalità ben definite e senza trasferimento di risorse tra i paesi, una parte di quelli emissioni dagli Stati membri, dando forma a un’unione di bilancio da accompagnare con regole cogente e poteri di controllo e intervento».

Il nuovo debito comune potrebbe, secondo il governatore, «svolgere quella funzione di attività sicura propria dei titoli sovrani nei paesi avanzati dotati di una moneta nazionale. La riduzione dei debiti dei singoli Stati eliminerebbe potenziali fonti di instabilità finanziaria; il rafforzamento della sorveglianza sui conti pubblici che accompagnerebbe l’intervento metterebbe l’area euro al riparo dal rischio di nuovi aumento di debito pubblico a livello nazionale», ha concluso Visco.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››