SERVICES

Il greggio corre, la fattura petrolifera sale a 22 miliardi

Roma - Il prezzo del greggio corre e la bolletta petrolifera che l’Italia pagherà nel 2018 rischia di schizzare a 22 miliardi, dai 17,5 dello scorso anno.

Roma - Il prezzo del greggio corre e la bolletta petrolifera che l’Italia pagherà nel 2018 rischia di schizzare a 22 miliardi, dai 17,5 dello scorso anno. Le nuove stime dell’Unione petrolifera, che solo a dicembre scorso puntavano su una forchetta tra 17 e 21 miliardi per i costi che il Paese, privo di risorse naturali, deve sostenere per approvvigionarsi all’estero, puntano adesso con decisione nella parte alta di questo intervallo e anche oltre, tra 21 e 22 miliardi.

La nuova stima dell’Up, che difficilmente sbaglia i suoi calcoli, si basa sulla proiezione del prezzo medio del Brent del mese di settembre-prima decade di ottobre per il resto dell’anno, per una media annua di 75-76 dollari al barile, contro i 54 del 2017. È vero che si tratta di un valore ancora lontano dai picchi di oltre 33 miliardi registrati nel `terribile´ 2012, quando il greggio quotò in media annua oltre 110 dollari al barile (anche se con un cambio di 1,28 euro/dollari rispetto all’attuale 1,19), ma è chiaro che l’aggravio rispetto allo scorso anno si sente. E potrebbe non essere finita qui: proprio ieri l’Agenzia internazionale per l’energia ha lanciato un appello all’Opec e agli altri maggiori produttori chiedendo di aumentare la produzione per evitare un ulteriore rialzo delle quotazioni che metterebbe a repentaglio l’economia globale, avvertendo che i mercati petroliferi stanno entrando nella «zona rossa».

Un allarme condiviso dall’amministratore delegato dell’Eni, Claudio Descalzi, che spera in «un prezzo ragionevole che stia tra 70 e 80 dollari», non solo per il gruppo che guida, «ma anche per i consumatori perché se dovesse crescere troppo non sarei assolutamente contento». E proprio i consumatori, infatti, cominciano a fare i conti: per il Codacons la corsa dei prezzi determinerà nel 2018 una stangata complessiva da 8,1 miliardi di euro a carico delle famiglie italiane, solo per maggiori costi legati al carburante e alle bollette energetiche.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››