SERVICES

Accordo Eni per la salute dei lavoratori

Milano - Eni,l’Università degli studi di Torino e l’Azienda ospedaliero universitaria Città della Salute e della scienza di Torino hanno firmato una convenzione triennale per promuovere progetti di ricerca per la salute nelle attività e nei luoghi di lavoro e la tutela degli ambienti di vita.

Milano - Eni, l’Università degli studi di Torino e l’Azienda ospedaliero universitaria Città della Salute e della scienza di Torino hanno firmato una convenzione triennale per promuovere progetti di ricerca per la salute nelle attività e nei luoghi di lavoro e la tutela degli ambienti di vita; garantire il monitoraggio e il controllo degli indicatori di salute secondo le norme di buona tecnica in Medicina del lavoro e la progettazione e conduzione di programmi di formazione in campo sanitario. L’accordo ha l’obiettivo prioritario di tutelare la salute dei lavoratori e l’incolumità pubblica delle comunità e impegna, in particolare, un gruppo di ricerca della sezione di Medicina del lavoro del sipartimento di Scienze della sanità pubblica e pediatriche dell’Università di Torino, coordinato da Enrico Pira, che opera in regime di convenzione con la Città della Salute.

La collaborazione riguarda la prevenzione, diagnosi e cura delle malattie causate dall’attività di lavoro, o ad essa correlate, oltre che la ricerca applicata e la supervisione operativa in Medicina del Lavoro anche nelle sedi di attività all’estero dell’azienda (valutazione del rischio, igiene industriale e sorveglianza sanitaria dei lavoratori). L’accordo include inoltre l’organizzazione di master di Medicina del Lavoro incentrati sul settore oil&gas e con posti riservati a Eni; la formazione sulla metodologia di ricerca di tipo epidemiologico; l’organizzazione di studi mirati e la revisione e verifica delle procedure e linee guida redatte da Eni in materia di controllo e rischio sanitario nei luoghi di lavoro.

La firma dell’accordo è una significativa iniziativa di cooperazione tra pubblico e privato in materia di Medicina del Lavoro e costituisce un’ulteriore evidenza dell’importanza attribuita dai partner alla sicurezza nei luoghi di lavoro, con particolare attenzione alla valutazione e gestione del rischio e alla conseguente adozione di adeguate misure di prevenzione e promozione della salute.