SERVICES

L’Europa minacciata dall’acciaio asiatico

Genova - I dazi sull’acciaio imposti dagli Stati Uniti rischiano di innescare un conflitto commerciale tra Europa e Cina: gli ostacoli posti dall’amministrazione Trump spingeranno i produttori di acciaio cinesi ad invadere l’Europa

Genova - I dazi sull’acciaio imposti dagli Stati Uniti rischiano di innescare un conflitto commerciale tra Europa e Cina: gli ostacoli posti dall’amministrazione Trump spingeranno i produttori di acciaio cinesi ad invadere l’Europa. Bruxelles, per tutelare i produttori dell’Unione europea che non sono in grado di affrontare la concorrenza cinese, pensa già di contingentare le importazioni di acciaio. Questa l’analisi di Massimiliano Burelli, amministratore delegato della Acciai Speciali Terni (Ast, del gruppo Thyssenkrupp): «I dazi statunitensi sull’acciaio - spiega Burelli - non colpiscono direttamente l’Europa visto che a fronte di una produzione annua di circa 168 milioni di tonnellate solo 4 o 5 sono destinate al mercato statunitense. Il problema è che a fronte dei dazi americani, i grandi produttori asiatici come la Cina dirotteranno le loro esportazioni verso l’Europa. E visto che sono aziende finanziate dallo Stato senza oneri, con un costo del lavoro estremamente contenuto e esenti da molti problemi di rispetto ambientale sono in grado di offrire prezzi con i quali i produttori europei non possono competere. Guardando al nostro settore - prosegue Burelli - non posso che auspicare un intervento dell’Unione europea a salvaguardia delle aziende della comunità magari limitandosi a colpire gli incrementi di importazioni rispetto al recente passato». «In linea generale devo ammettere - dice all’Agi il top manager - che stiamo tornando al Vecchio Testamento e a forza di azioni e reazioni “occhio per occhio, dente per dente” finiremo tutti senza occhi e senza denti». A fronte di un intervento dell’Ue per arginare l’arrivo dell’acciaio cinese, non è da escludersi una contromisura cinese in altri settori merceologici.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››