SERVICES

Dinner, in tremila alla festa dello shipping / GALLERY

Genova - Serata di gala (e affari) in Fiera. Negri (Assagenti): «Genova è sempre la capitale del mare». all’evento hanno partecipato rappresentanti di 46 Paesi.

NEXT PREV
foto
foto
foto
foto
foto
foto
foto
foto
foto
foto
foto
foto
Genova, 30/06/2017. Dinner Assagenti alla Fiera del Mare di Genova.
foto
foto
foto
foto
foto
foto
foto
foto
foto
foto
foto

Genova - Il cluster marittimo italiano ha indossato l’abito da sera e si è dato appuntamento a Genova. «Perché questa città è la capitale italiana dello shipping e lo resterà per molti anni ancora», dice Aldo Negri, presidente del gruppo giovani di Assagenti. Tremila persone hanno partecipato alla 14esima edizione del “Shipbrokers and Shipagents Dinner”, l’evento organizzato alla Fiera di Genova dagli agenti marittimi. Alla serata hanno partecipato anche decine di aziende estere. «Abbiamo agenti marittimi provenienti da 46 diversi Paesi - prosegue Negri - e più di mille imprese che hanno dato la loro adesione». Più operatori che politica. Tra i volti noti presenti alla serata che si è tenuta sulla terrazza e all’interno del padiglione Jean Nouvel, c’erano l’agente marittimo Augusto Cosulich ed i terminalisti Gilberto Danesi di Psa e Roberto Spinelli.

Il past president di Fedespedi, Piero Lazzeri, e l’attuale presidente Roberto Alberti assieme al numero uno di Spediporto, Alessandro Pitto. E poi Tirreno Bianchi della Compagnia Pietro Chiesa, l’ammiraglio Giovanni Pettorino, Matteo Catani di Gnv e l’ex presidente del porto di Genova, Luigi Merlo, oggi alla corte di Gianluigi Aponte al gruppo Msc. «Eventi di questo tipo - spiega Alberto Banchero, numero uno di Assagenti - sono una ricchezza per l’intera città di Genova. E poi consentono agli agenti marittimi provenienti da tutte le parti del mondo di fare affari, scambiarsi opinioni e avviare nuove relazioni che hanno quasi sempre un ritorno commerciale». Ma quella degli agenti marittimi è stata una categoria che negli ultimi tempi è stata colpita anche da profondi cambiamenti: dal fallimento della compagnia coreana Hanjin alla fusione tra alcune delle principali linee mondiali. «Il mercato ci ha sicuramente messo di fronte a nuove sfide - spiega Gian Enzo Duci, presidente di Federagenti - anche se dal mercato stiamo avendo importanti segnali di ripresa. Sarà difficile tornare ai livelli pre-crisi ma i siamo già sulla buona strada».

(Fotoservizio Gentile)

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››