SERVICES

Crociere boom, Carnival punta sul mercato australiano

Trieste - Ordine da parte di P&O Cruises Australia a Fincantieri per una nuova nave. I passeggeri crescono con una media annua del 20%.

Trieste - L’ordine da parte di P&O Cruises Australia a Fincantieri per una nave da 135.500 t.s.l. da consegnare nel 2019, rappresenta una pietra miliare nello sviluppo del mercato crocieristico dell’Oceania. P&O Cruises Australia è un marchio di Carnival Corporation & Plc. espressamente dedicato ai crocieristi dell’Australia e della Nuova Zelanda. Fa riferimento al quartier generale di Carnival Uk di Southampton, ma la sua sede operativa si trova a North Sidney nella regione del Nuovo Galles del Sud. Attualmente dispone di cinque navi da crociera, tutte immatricolate a Londra. Quattro di queste sono delle navi storiche per Fincantieri, si tratta infatti dei primi cruise-liner di nuova generazione nati nel cantiere di Monfalcone: Pacific Jewel (ex Crown Princess - 1990), Pacific Dawn (ex Regal Princess -1991), Pacific Eden (ex Statendam - 1993) e Pacific Aria (ex Ryndam -1994). A queste va aggiunta poi la “francese” Pacific Pearl (l’ex Star Princess - 1989). Nel 2017 la flotta sarà incrementata da un’altra vecchia conoscenza monfalconese, l’attuale Dawn Princess (1997) che prenderà il nome di Pacific Explorer. E come abbiamo visto nel 2019 sarà la volta della nuova nave che deriverà dal progetto della Carnival Vista.

Ma cosa ha spinto la grande corporation statunitense a puntare su questo mercato? Certamente la significativa crescita dei passeggeri australiani degli ultimi anni. Nel 2014 gli “aussies”che sono andati in crociera sono stati 1.003.256: gli analisti del settore alcuni anni fa avevano pronosticato il 2020 come l’anno in cui si sarebbe raggiunto il milione di crocieristi, invece questo importante traguardo è stato raggiunto con sei anni d’anticipo. Secondo i dati di Clia Australasia la crescita del 2014 rispetto l’anno precedente è stata del 20,4 %, l’unico grande mercato a raggiungere una crescita a due cifre oltre a quello francese (+ 13,6 %). La penetrazione del mercato ha raggiunto il 4,2% superando il più maturo Nord America dove il 3,4% della popolazione ha optato per una vacanza in nave. Sempre nel 2014 la destinazione preferita dagli australiani è stata il Pacifico Meridionale con 392.549 passeggeri, cioè ben il 39% del mercato. Al secondo posto si piazzano le crociere lungo la costa australiana con 189.796 passeggeri. In leggero calo come destinazione la Nuova Zelanda con 88.685 passeggeri (- 10,3%). Ma ovviamente molti sono gli australiani che scelgono le destinazioni crocieristiche più popolari, come l’Europa (93.529 persone) e i Caraibi (31.482). Negli ultimi 10 anni i crocieristi australiani sono cresciuti più di sei volte partendo dai 158.415 nel 2004 con una crescita annua media che si è assestata al 20%: di conseguenza l’Australia è diventato il quarto mercato crocieristico al mondo dopo il Nord America, la Germania e le isole britanniche.

Nel corso dell’attuale stagione estiva (settembre 2015 - aprile 2016), sempre secondo Clia Australasia, 38 navi da crociera navigheranno in acque australiane e per 8 di esse si tratterà della prima visita; le navi delle compagnie associate alla Clia faranno nel corso di questo periodo oltre 800 toccate nei porti dell’ex colonia britannica. Nel corso dell’estate 2014/15 erano state invece 36 le navi che avevano raggiunto l’Australia. In questi 8 mesi sono stati programmati i “maiden call” delle due nuove unità appena trasferite a P&O Cruises Australia, cioè Pacific Eden e Pacific Aria. Le altre nuove arrivate sono Azamara Quest di Azamara Club Cruises, Le Soleal di Ponant, Noordam di Holland America Line, Costa Luminosa di Costa Crociere, Golden Princess di Princess Cruises ed Explorer of the Seas di Royal Caribbean International. Infatti il continente australiano è meta anche di molti crocieristi da tutto il resto del mondo e per questo molte compagnie sono presenti in questi porti in maniera continuativa, mentre altre solamente in occasione dei giri del mondo delle proprie navi.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››