SERVICES

L’industria del lusso vale 318 miliardi

Milano - A trainare la crescita nei prossimi anni sarà il settore premium ed entry-to-luxury, ovvero la fascia medio alta, che nel 2016 ha raggiunto il valore di 100 miliardi ed è atteso un +6% al 2020, contro il +3,4% dell’alto di gamma.

Milano - Il mercato del lusso nel 2016 ha raggiunto i 318 miliardi di euro a livello globale e si prevede una crescita del 3,6% medio annuo nel periodo 2016-2020. A trainare la crescita nei prossimi anni sarà il settore premium ed entry-to-luxury, ovvero la fascia medio alta, che nel 2016 ha raggiunto il valore di 100 miliardi ed è atteso un +6% al 2020, contro il +3,4% dell’alto di gamma. È quanto emerge dallo studio annuale di Ey, “The luxury and cosmetics financial factbook”, che analizza lo scenario del settore dei beni di lusso personali, a livello globale. «Il lusso, che negli anni di crisi guidava la crescita, sta rallentando» a fronte di un avanzamento dei brand prossimi al lusso, ma meno costosi, afferma Federico Bonelli, Corporate Finance Strategy, Fashion & Luxury, che parla di una «rivoluzione dei consumi». Oggi si è passati «dal total look, al mix & match (ovvero portafogli diversificati tra beni di lusso e premium), dal formale al casual, sempre più sdoganato negli armadi, fino al forte interesse della finanza per i nuovi brand emergenti dell’entry to luxury». Inoltre, tecnologia, digitale e social media, con i Millennials che saranno i consumatori core del futuro, stanno riconfigurando l’approccio agli acquisti e ai canali distributivi. I consumatori cinesi restano poi i protagonisti delle strade del lusso.

Stati Uniti ed Europa occidentale rimangono le due nazioni più importanti (rispettivamente con 131 miliardi di euro e 109 miliardi di euro), con il consumatore cinese che sta diventando la terza «nazione» più grande valendo più di 100 miliardi di euro a livello mondiale. Gli accessori (borse, scarpe e altri prodotti di pelletteria) continueranno a trainare la crescita in entrambi i segmenti, anche se ad un ritmo diverso (+11% per il lusso e +7% per il settore premium ed entry-to-luxury). I consumatori, secondo il Report stanno diventando «più sofisticati» e il 60% è influenzato dal digitale. Nel settore della cosmetica la fascia premium vale 49 milioni di euro nel 2016 con una crescita attesa 2016-2020 del 3,9% trainata dall’innovazione spinta dall’online, sia a livello di prodotto che di canale.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››