SERVICES

Maxi-refit per “Carnival Triumph”

Monfalcone - Prosegue a ritmi serrati il piano di refitting delle navi più vecchie della flotta Carnival: si è appena concluso quello della “Carnival Freedom” che già un’altra nave è entrata in cantiere, cioè la “Carnival Triumph”

Monfalcone - Prosegue a ritmi serrati il piano di refitting delle navi più vecchie della flotta Carnival: si è appena concluso quello della “Carnival Freedom” che già un’altra nave è entrata in cantiere, cioè la “Carnival Triumph”.

Carnival Cruise Line ha in corso un piano di rinnovamento della flotta da due miliardi di dollari denominato Fun ship 2.0. Questo perché l’età media delle sue 26 navi attualmente è di 17 anni, il che vuol dire che molte di queste hanno necessità di essere adeguate alle navi più recenti per restare competitive sul mercato. Essendo le sue unità per la maggior parte posizionate in Nordamerica, il cantiere di riferimento per i refitting è il Grand Bahama Shipyard di Freeport alle Bahamas. Quest’anno ha già ospitato nei suoi bacini la “Carnival Pride”, consegnata dal cantiere Kvaener Masa Yards di Helsinki (oggi Arctech) nel 2001. Pochi giorni fa è stata la volta della “Carnival Freedom”, quinta nave della classe Conquest realizzata dallo stabilimento Fincantieri di Venezia-Marghera.

Dal 2007, anno della sua entrata in servizio, era già stata sottoposta a dei significativi aggiornamenti che avevano comportato anche l’aggiunta sopra il ponte di comando della struttura per ospitare le Captain’s Suite.

Nel corso di questo giro di lavori invece sono stati aggiunti il parco acquatico Waterworks, i punti ristoro Bonsai Express e Deli, il campo da mini-golf a nove buche e infine è stata ampliata l’area negozi. Una volta terminati i lavori la “Freedom” ha raggiunto il suo home port di Galveston per riprendere le sue crociere nei Caraibi Occidentali. Per i lavori più intensivi invece Carnival si rivolge a impianti europei. Questo è il caso della “Carnival Triumph” che è arrivata a Cadice dove subirà un refit da 200 milioni di dollari, che impegnerà le maestranze di Navantia per circa due mesi. Saranno coinvolte circa 5.000 persone, 1.000 dipendenti diretti del cantiere e 4.000 delle ditte subfornitrici a cui andrà aggiunto l’equipaggio che resterà operativo. Una volta terminati i lavori la nave verrà ribattezzata “Carnival Sunrise” per offrire ai propri passeggeri la sensazione di viaggiare su una nave quasi nuova. La “Triumph” ha una stazza lorda di 101.509 tonnellate ed è stata realizzata da Fincantieri a Monfalcone. Entrata in servizio nel luglio del 1999, è la seconda unità della fortunata classe Destiny. Proprio la capostipite “Carnival Destiny” era stata completamente ristrutturata nel 2013 nel bacino di Trieste dell’azienda triestina. Anche allora la nave era stata riallestita internamente in chiave più moderna, ma aveva anche subito significative modifiche strutturali. Ribattezzata “Carnival Sunshine”, ha ripreso la sua attività negli States dopo la stagione inaugurale nel Mediterraneo. Invece stavolta con “Triumph/Sunrise” non avverrà lo stesso; una volta lasciata Cadice la nave riattraverserà l’Atlantico con direzione Norfolk (Virginia).

Successivamente effettuerà crociere in partenza da New York da quattro a 14 giorni durante la stagione estiva per poi trasferirsi a Fort Lauderdale per quella invernale con un programma di crociere brevi di quattro e cinque notti. Entrando nel dettaglio di quello che sarà fatto su “Triumph” possiamo ricordare la realizzazione di due lussuose “Captain’s suite”, posizionate al di sopra del ponte di comando e di nuove grand suite con balcone. Tutte le cabine verranno trasformate e arredate secondo il tema caraibico, già presente a bordo delle ultime unità del marchio. Verrà ripensata anche l’offerta culinaria: verranno realizzati il ristorante italiano La cucina del capitano, la steakhouse Fahrenheit 555 e il ristorante giapponese Bonsai express.Subiranno aggiornamenti anche il centro benessere e sarà realizzato a bordo un grande parco acquatico. Verrà rivisitata l’area bambini e sarà realizzata anche l’area relax all’aperto solo per adulti.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››