SERVICES

Genova, Danesi (Vte): «Il presidente? Basta abbia il foglio rosa»

Genova - Il numero uno del Vte: «Noi investiamo, ma da venticinque anni aspettiamo un secondo binario per il terminal».

Genova - «A Genova serve un presidente che abbia almeno il foglio rosa, nemmeno la patente» chiosa Gilberto Danesi, a.d. di Psa-Vte, che ha appena ricevuto le quattro nuove maxigru per operare nel porto di Prà- Voltri sulle navi portacontenitori più grandi. «Noi investiamo, ma da venticinque anni aspettiamo un secondo binario per il terminal» dice. Gli operatori genovesi intervengono al convegno su «Il porto di Genova motore di sviluppo della città» mettendo in chiaro delusioni e speranze, perplessità sulla legge di riforma portuale. Auspicano un’autorità portuale «forte». Per Ignazio Messina, a.d. del gruppo Messina il futuro presidente dovrà avere buone doti manageriali, ma l’auspicio è soprattutto sulle opere. «Sarebbe bello che prima dell’avvio del nuovo Piano regolatore portuale si facciano almeno due opere di quello in corso, del 1998, il riempimento di calata Bettolo e del compendio Ronco e Canepa (che allargherebbe il terminal Messina, ndr)» dice.