SERVICES

Goteborg, ancora tensione tra portuali e Apm Terminals

Genova - La società riorganizza il lavoro, ma i sindacati spiegano che con questa mossa risulta il esubero il 25% del personale.

Genova - Nuove tensioni tra sindacati e Apm Terminals a Goteborg. La società terminalistica del gruppo Maersk ha deciso infatti una nuova organizzazione del lavoro confortata da nuovi sistemi di automazione, che consentiranno alla società di ridurre il personale. I sindacati, che lamentano di non essere stati informati della nuova iniziativa, spiegano che con la nuova mossa risulta ridondante il 25% del personale. «Rischiano il posto 35 portuali a tempo indeterminato e altri 60 precari che oggi lavorano sulle banchine» spiegano i sindacati.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››