SERVICES

Confindustria: Culmv in porto anche a Savona

Genova - I terminalisti genovesi vogliono che i portuali della Culmv lavorino anche nel porto di Savona. A scriverlo, nero su bianco, è Confindustria Genova che in una lettera invita l’Adsp perché si attivi per consentire «l’avviamento del personale della Compagnia Unica anche su Savona».

Genova - I terminalisti genovesi vogliono che i portuali della Culmv l avorino anche nel porto di Savona. A scriverlo, nero su bianco, è Confindustria Genova che in una lettera invita l’Autorità di sistema portuale del Mar Ligure Occidentale ad attivarsi per consentire «l’avviamento del personale della Compagnia Unica anche su Savona».

Il documento, che il Secolo XIX/The MediTelegraph ha potuto visionare, porta la firma di Gilberto Danesi, numero uno del terminal Vte del gruppo Psa e presidente della sezione terminalisti di Confindustria Genova. Nella lettera si legge che questa operazione, tenuto conto delle esigenze dei terminalisti, dovrebbe essere approvata da Palazzo San Giorgio a «beneficio di una maggiore saturazione delle risorse e con minore impatto sulla fiscalità generale e locale». L’organico porto della Culmv è di circa mille unità, tutti portuali che lavorano sulle banchine genovesi e mai hanno operato fuori città. A Savona, infatti, opera la compagnia portuale Pippo Rebagliati con quasi trecento portuali. Nella lettera i terminalisti genovesi scrivono inoltre di essere orientati a «ripianare le perdite relative all’esercizio 2017» della Culmv

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››