SERVICES

Crociere, il 2020 l’anno della svolta per Trieste / FOCUS

Trieste - In questi giorni le compagnie stanno pubblicando i loro calendari futuri ed interessanti novità stanno emergendo per il capoluogo giuliano.

Trieste - Il 2020 si preannuncia una stagione molto positiva per Trieste Terminal Passeggeri. In questi giorni le compagnie stanno pubblicando i loro calendari futuri ed interessanti novità stanno emergendo per il capoluogo giuliano.
Il 2019 si presenta come un anno di attesa, comunque caratterizzato dal debutto di Costa Venezia che sarà battezzata in pompa magna il prossimo primo marzo alla stazione marittima di Molo Bersaglieri, sicuramente l’evento dell’anno per la Trieste dello shipping. Nel corso della cerimonia di taglio della prima lamiera di Msc Seashore presso lo stabilimento Fincantieri di Monfalcone, Pierfrancesco Vago aveva annunciato l’acquisizione da parte di Msc di una partecipazione nel terminal triestino. Inoltre a partire dal 2020 una sua nave avrebbe fatto tappa fissa in regime di home port a Trieste. Questo ritorno è fondamentale per le aspirazioni future di TTP, attualmente si sta ancora attendendo che la compagnia fondata da Aponte comunichi nel dettaglio la nave che scalerà nella Venezia Giulia.

Certo è che un player del settore così importante potrà alimentare il traffico in maniera significativa. Ricordiamo inoltre che anche Costa Crociere è presente nella gestione di TTP che ora può vantare partecipazioni dei due principali marchi del settore crocieristico in Italia. Per ora la compagnia genovese ha in calendario quattro scali con Costa Deliziosa nell’autunno del 2020, anche se potranno aggiungersi altri dell’ultimo minuto come avvenuto negli ultimi anni per contingenze meteorologiche in Laguna o per manifestazioni a Venezia.

Nonostante non sia parte della gestione del terminal, il cliente principale di Trieste nel 2020 sarà il gruppo Royal Caribbean che garantirà la presenza di navi di tre dei suoi brand, parliamo di Celebrity Cruises, Silvesesa Cruises e TUI Cruises. La nave più prestigiosa coinvolta in questo traffico è sicuramente la nuovissima Celebrity Edge, che ha debuttato sul mercato caraibico proprio in questi giorni. La nuova ammiraglia di Celebrity toccherà Trieste tre volte fermandosi ogni volta due giorni, quindi effettuando l’overnight ad ogni scalo. Questo per poter offrire ai suoi passeggeri delle escursioni verso Venezia: si tratta del primo armatore che prova questa soluzione visto il perdurare dell’incertezza del futuro dell’industria crocieristica veneziana.
Se questo esperimento avesse successo potrebbe essere una svolta per Trieste. Silversea invece porterà in dote quattro scali con la Silver Spirit e la nuova Silver Moon che proprio da Trieste partirà per il suo viaggio inaugurale. Infine TUI Cruises confermerà l’home port di una sua nave anche se con la Mein Schiff 5 invece che con la precedentemente annunciata Mein Schiff 2.

Resta in ogni caso il marchio che garantirà il traffico maggiore nel corso della stagione. Il presidente dell’Autorità portuale Zeno d’Agostino ha dichiarato che Trieste ha un potenziale di 500.000 passeggeri l’anno, nel 2020 si potranno superare i 150.000. Per crescere però le istituzioni dovranno risolvere il problema alquanto urgente dell’allungamento della banchina di 150 metri. Questo importante adeguamento è già previsto nel piano regolatore del porto e che diventa sempre più necessario, visto la corsa al gigantismo navale.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››