SERVICES

Rbd Armatori, all’asta anche l’hotel di Capri

Napoli - Il 22 febbraio si terrà l’asta per la vendita della flotta del gruppo Rbd, la compagnia delle famiglie torresi Rizzo Borriglieri e De Carlini. Insieme alle navi, andrà all’incanto anche l’Hotel La Palma: un gioiello dell’Isola di Capri, tappa obbligata del jet set internazionale

Napoli - Il 22 febbraio si terrà l’asta per la vendita della flotta del gruppo Rbd, la compagnia delle famiglie torresi Rizzo Borriglieri e De Carlini. Insieme alle navi, andrà all’incanto anche l’Hotel La Palma: un gioiello dell’Isola di Capri, tappa obbligata del jet set internazionale, che dal 2005 era il prestigioso biglietto da visita degli armatori.

La vendita dell’albergo ubicato a pochi passi dalla piazzetta di Capri, strettamente legata al fallimento della Rbd, è fissata per il 22 febbraio alle 11.30 davanti ai curatori del fallimento e del giudice fallimentare Valentina Vitulano del tribunale di Torre Annunziata. Il prezzo fissato come base d’asta, non potrà essere inferiore ai 35 milioni di euro.

I partecipanti dovranno presentare alla cancelleria fallimentare del tribunale le proprie offerte irrevocabili di acquisto entro le ore 12 del 15 febbraio, in busta chiusa unitamente ad assegni circolari pari al valore del 10% dell’offerta fatta. Si chiude così un’epoca per l’Hotel La Palma, nato nel 1818 come locanda, a lungo cenacolo d’arte e cultura grazie ai viaggiatori del Grand Tour che vi facevano tappa. Negli anni cinquanta viene acquistato dalla famiglia Grilli che ne fa un albergo a quattro stelle e lo trasforma in ritrovo per vip e turisti di lusso. Nel 2005 la famiglia Grilli lo vende alla Rbd che ne fa un biglietto da visita del gruppo armatoriale ed un importante strumento di pubbliche relazioni. Lì, infatti, soggiornano politici illustri, scrittori, personaggi dello spettacolo nonché il cardinale Ratzinger prima di salire al soglio papale come Benedetto XVI. Sempre per il 22 febbraio è fissata anche l’asta per la vendita della flotta. Il prezzo, data l’assenza di acquirenti al primo incanto, è sceso dai 200 milioni di dollari iniziali agli attuali 190.

Le offerte irrevocabili di acquisto devono essere presentate personalmente o tramite mandatario provvisto di procura speciale alla sezione fallimentare del tribunale di Torre Annunziata entro le ore 12.00 del 15 febbraio.

La flotta di Rbd oggetto d’asta è composta da quattro post-panamax di età compresa tra i sette e i nove anni, tre Capesize con meno di dieci anni e sei Aframax per il trasporto di prodotti petroliferi costruite a partire dal 2010, quindi tutte relativamente giovani. Si tratta di un unico lotto mirato a trovare un’intesa in un’unica soluzione con i possibili acquirenti e far ripartire le navi ferme ormai da un anno.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››