SERVICES

Cantieri croati, fallimento per Scoglio Olivi

Genova - Il tribunale ha aperto il procedimento di bancarotta per lo stabilimento. Rinviata la decisione su tutto il gruppo.

Genova - Lunedì il tribunale commerciale di Pisino in Croazia ha avviato un procedimento di bancarotta per il cantiere navale di Uljanik (Scoglio Olivi), in gravi difficoltà finanziarie. Il cantiere navale è il cantiere principale del gruppo Uljanik e attualmente ha debiti in sospeso per circa 164,8 milioni di kune, circa 25 milioni di dollari. La procedura fallimentare è stata rinviata due volte negli ultimi mesi. Il 17 maggio è prevista un’audizione per decidere se la procedura fallimentare sarà avviata anche per l’intero gruppo. Il gruppo gestisce anche un altro cantiere navale, il 3 Maj a Rijeka. Il governo croato che possiede il 25% del gruppo Uljanik, si è rifiutato di approvare il piano di ristrutturazione del gruppo del cantiere navale. Alla fine di aprile una delegazione di China Shipbuilding Industry Corporation (CSIC) ha incontrato la direzione di Uljanik per discutere del futuro dei due cantieri del gruppo.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››