SERVICES

Clandestino a bordo di una Msc tenta di dare fuoco alla nave / VIDEO

Genova - L’intervento di un commando israeliano ha evitato il peggio a bordo della portacontainer “Canberra”.

Genova - Un commando della Marina israeliana è intervenuto lo scorso 9 giugno nel porto di Haifa su una portacontainer da 2.600 teu battente bandiera panamense e proveniente dalla Turchia. Il commando, composto di 13 soldati, è intervenuto dopo che l’equipaggio, alle 3 del mattino, aveva chiesto aiuto alla polizia per la presenza di un passeggero clandestino a bordo. Quando è stato scoperto dall’equipaggio, secondo quanto riporta la stampa israeliana, l’uomo ha cominciato a danneggiare elementi del ponte della nave, la “Msc Canberra”. Successivamente ha provato a dare fuoco alla nave stessa, provocando un incendio a bordo. L’equipaggio, intanto, si è rinchiuso nel ponte di comando, come previsto dalle procedure in caso di attacchi criminali. Da qui sono stato mantenuti i contatti con le forze dell’ordine. I soldati della Marina sono intervenuti la mattina del 9 giugno e hanno arrestato l’aggressore, un uomo di cittadinanza turca. Nel pomeriggio è stato comunicato che la nave era sotto controllo. Il giorno successivo l’uomo arrestato è stato rimpatriato in Turchia. Sono stati rari finora gli interventi militari su navi portacontainer al di fuori dalle zone di diffusione della pirateria.

GUARDA IL VIDEO

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››