SERVICES

Assoporti cambia lo statuto e inserisce quattro vice presidenti

Genova - L’assemblea dei porti italiani vuole «riorganizzare la struttura». Il genovese Franco Mariani esaurisce il mandato di segretario generale. Ora è caccia ai vertici.

Genova - «Si sono riuniti oggi in assemblea i presidenti delle AdSP per avviare un processo di riorganizzazione della struttura». Assoporti annuncia che qualcosa sta cambiando: «All’ordine del giorno dell’assemblea, infatti, una proposta di modifica dello statuto associativo che mira a rendere più efficiente l’attività al fine di affrontare i numerosi cambiamenti in atto e per assicurare che siano rappresentate tutte le realtà portuali italiane».

In sintesi - spiega l’associazione - la nuova struttura dovrà essere composta dal presidente che avrà al suo fianco 4 Vice Presidenti rappresentativi delle macro-aree geografiche del Paese, e un Segretario Generale per seguire l’attività amministrativa dell’associazione.

«Il nuovo Statuto riflette le indicazioni espresse da tutte le AdSP, ed è il risultato di un’ampia condivisione degli obiettivi dell’associazione. È prevista un’attività capillare per l’Associazione che, oltre ad occuparsi di quanto le viene attribuito per legge, dovrà fornire un servizio di supporto importante per il cluster marittimo-portuale».

«L’Assemblea è stata anche l’occasione per prendere atto della fine del mandato del Segretario Generale Francesco P. Mariani, al quale tutti i presidenti hanno espresso profonda gratitudine per il lavoro svolto con passione e dedizione in questi anni a favore del sistema portuale italiano».

Daniele Rossi ha commentato: «Questo passaggio statutario rappresenta un momento importante per la ricostruzione dell’unitarietà del sistema portuale italiano, ed è testimonianza della volontà delle AdSP di affrontare le criticità attuali in modo coeso e con spirito propositivo».

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››