SERVICES

Prysmian costruirà la nave posacavi più grande del mondo

Genova - A realizzarla saranno gli stabilimenti Vard di Fincantieri: l’unità sarà pronta nel 2021.

Genova - Il gruppo Prysmian conferma la costruzione di una nuova nave posacavi «tra le più avanzate al mondo affidata ai cantieri navali Vard, parte del Gruppo Fincantieri». Lo annuncia il gruppo in una nota.

La maggior parte della progettazione di base è stata completata «l’ingegneria di dettaglio è a buon punto, le operazioni di steel cutting sono iniziate a maggio 2019 mentre quelle di keel laying sono state avviate la scorsa settimana».

Il nome scelto per la nuova nave è Leonardo da Vinci: la nuova nave sarà completamente operativa entro il secondo trimestre 2021. Con un investimento di oltre 170 milioni di euro «questo asset strategico rafforzerà la capacità di Prysmian di esecuzione dei progetti e il suo approccio come fornitore di servizi sul modello “one-stop-shop”».

«L’acquisizione della commessa Viking Link del valore di 700 milioni di euro conferma l’indiscussa leadership di Prysmian e ci permette di cogliere le opportunità del mercato dei cavi sottomarini, in particolare nel settore dei collegamenti in cavo per i parchi eolici offshore. Leonardo da Vinci sarà la nave posacavi più all’avanguardia presente sul mercato e migliorerà significativamente le capacità di esecuzione dei progetti del Gruppo e la sua abilità di supportare i clienti, i TSO e le Utility nel rispondere al crescente bisogno di potenziare reti elettriche sempre più sostenibili» ha sottolineato Hakan Ozmen, EVP Projects di Prysmian Group.

La nuova nave verrà presentata all’evento “WindEurope Offshore Conference and Exhibition” che si terrà a Copenaghen dal 26 al 28 novembre 2019. Con una lunghezza di circa 170 metri e un’ampiezza di circa 34 metri, la Leonardo da Vinci è stata concepita «per essere la nave posacavi più performante presente sul mercato e garantirà maggiore capacità e versatilità nella realizzazione di progetti grazie a funzionalità avanzate quali: capacità di installazione in acque profonde a più di 3.000 m anche grazie a una tecnologia in cavo di nuova generazione, dotata di un’armatura più leggera; velocità massima superiore ai 14 nodi; 2 caroselli da 7.000 e 10.000 tonnellate che garantiscono la più elevata capacità del mercato permettendo di ridurre i tempi di trasporto dalla fabbrica al sito, migliorando quindi l’efficienza di progetto complessiva; due linee di posa indipendenti per incrementare la flessibilità operativa; forza di traino superiore a 180 tonnellate che permette di eseguire operazioni di installazione complesse supportando una serie di sistemi e attrezzature per l’interro quali l’aratro sottomarino e l’Hydroplow».

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››