SERVICES

Assarmatori: «No a speculazioni su Imo 2020»

Genova - «Il tema delle emissioni nocive nello shipping non è materia contendibile. È un problema oggettivo che non può avere utilizzi strumentali sotto il profilo commerciale». A intervenire su questa problematica è Assarmatori, che denuncia la carenza di Ifo attualmente in uso in alcuni porti italiani, specie Napoli

Genova - «Il tema delle emissioni nocive nell’industria del trasporto marittimo non è materia contendibile. È un problema oggettivo che non può avere utilizzi strumentali sotto il profilo commerciale, ma che richiede un impegno serio e di mercato». A intervenire su questa problematica è Assarmatori, l’associazione imprenditoriale aderente a Conftrasporto/Confcommercio, denunciando, si legge in una nota, come in alcuni porti, in particolare a Napoli, le società concessionarie del servizio di fornitura di carburante marino abbiano avvisato gli armatori del fatto che, in anticipo rispetto alla scadenza del 1 gennaio 2020 fissata dall’International Maritime Organization, a brevissimo non disporranno più di riserve dei combustibili Ifo finora in uso. Il che significa che saranno in grado di effettuare rifornimenti solo con il carburante Ifo 0,5%, che ha un costo significativamente maggiore del primo.

È il caso di ribadire, sottolinea Assarmatori, che le norme internazionali sanciscono per l’inizio del prossimo anno l’obbligatorietà di utilizzo dei carburanti Ifo 0,5% per raggiungere l’obiettivo di ridurre di sette volte le emissioni di zolfo.

Tutti gli oneri per l’adeguamento alle nuove normative sono a completo carico delle compagnie di navigazione che a sorpresa rischiano oggi, e ciò riguarda specialmente quelle attive su linee nazionali e che giocoforza acquistano il carburante in Italia, di dover anticipare questi extra costi con conseguenze fortemente impattanti sui loro bilanci: «In questo modo, - spiega il presidente di Assarmatori, Stefano Messina - si crea un danno economico alle imprese di navigazione, e un indebito guadagno per coloro (per fortuna non tutti i concessionari nei porti nazionali hanno adottato questa condotta) che, attraverso un abuso della loro posizione dominante, impongono un costo improprio alle imprese».

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››