SERVICES

«Ora Bono assuma di più sul territorio»

Riva Trigoso - Le commesse ci sono, ma allo stabilimento militare di Riva Trigoso i rappresentanti dei lavoratori continuano ad insistere su nuove assunzioni di personale non esterno all’azienda. Di riflesso l’amministratore delegato Giuseppe Bono ha risposto che aspetta sempre i curriculum vitae

Riva Trigoso - Le commesse ci sono, ma allo stabilimento militare di Riva Trigoso i rappresentanti dei lavoratori continuano ad insistere su nuove assunzioni di personale non esterno all’azienda. Di riflesso l’amministratore delegato Giuseppe Bono, stamane al varo dell’ ottava Fremm, ha risposto che aspetta sempre i curriculum vitae di aspiranti dipendenti. «Lo aveva già detto al varo dell’estate scorsa - afferma Davide Grino della Fim Cisl - e noi gli rispondiamo che ci confrontiamo sempre con i responsabili del personale e chiediamo nuove forze lavoro nei vari reparti del cantiere senza ricorrere sempre a lavoro esterno con ditte di mezzo mondo».

In effetti il polo produttivo di Riva Trigoso dai 1.500 dipendenti diretti degli anni Ottanta è lentamente sceso sotto i mille ed ora si attesta sugli 800 dipendenti diretti contro altrettanti di ditte appaltatrici: «Il lavoro c’è, dopo il varo oggi della fregata multiruolo “Antonio Marceglia”, sullo scalo vi sono ancora la nave logistica “Vesuvio”, la nona Fremm e la prefabbricazione della decima e ultima fregata. Per questo - ha detto dal palco Marco Mezzetta a nome della rappresentanza sindacale aziendale - vogliamo una ricaduta occupazionale sul territorio cosi come è sempre avvenuto in passato». Sul tema lavoro anche il sindaco sestrese Valentina Ghio: «Grazie ai finanziamenti statali voluti dal governo è stato possibile rilanciare la produzione nel cantiere di Riva Trigoso specializzato nel militare. Una scelta che ha sempre visto le istituzioni al fianco dei lavoratori ora però con forza chiediamo che i nostri giovani, con appositi corsi professionali, possano entrare in questa fabbrica che ha rappresentato per generazioni il sostentamento e soprattutto la qualità professionale».

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››