SERVICES

«In Romania stiamo portando 500 persone dal Vietnam»

Trieste - «In Romania stiamo portando 500 persone dal Vietnam,poi finirà anche il Vietnam... il nostro tenore di vita lo abbiamo raggiunto spaccandoci la schiena, non dobbiamo farlo più ma non possiamo nemmeno bighellonare». Così l’amministratore delegato di Fincantieri, Giuseppe Bono

Trieste - «In Romania stiamo portando 500 persone dal Vietnam, poi finirà anche il Vietnam... il nostro tenore di vita lo abbiamo raggiunto spaccandoci la schiena, non dobbiamo farlo più ma non possiamo nemmeno bighellonare. Oggi c’è l’automazione, i lavori non sono più pesanti come una volta e non possiamo più pensare di trovare un lavoro dove non ci si sporchi, che ti lascia libero venerdì, sabato, domenica...». Lo ha detto l’amministratore delegato di Fincantieri, Giuseppe Bono, parlando della carenza di manodopera specializzata, a margine di un incontro nell’ambito di Barcolana.

All’incontro è stato annunciato che tra Fincantieri e indotto entro il 2021 saranno assunti sul territorio e in particolare a Monfalcone, circa 2.000 operai; erano presenti il governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, e la sindaca di Monfalcone Anna Maria Cisint, comune dove un quarto della popolazione lavora in Fincantieri.

Bono ha sottolineato che «se una persona entra in una azienda e pensa che dovrà fare il saldatore a vita, è difficile, ma se entra come saldatore per un certo periodo poi l’azienda lo fa crescere, allora sarà diverso». Infine, l’ad del gruppo triestino si è soffermato sui salari: «Paghiamo attualmente l’operaio medio già più del 20% della media nazionale dei metalmeccanici».

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››