SERVICES

Nautica Italiana, intesa con Fiera Milano / IL CASO

Genova - Accordo per l’organizzazione dei saloni. «Fiducia a un presidente indipendente». Vitelli (Azimut) parla dopo la conferma di Tacoli. «Venezia? Evento penalizzante».

Genova - Nautica Italiana va avanti dando «piena fiducia, per volontà di tutti i marchi, a Lamberto Tacoli come presidente», spiega Giovanna Vitelli di Azimut/Benetti, numero due dell’associazione, anche dopo la recente uscita del manager dal gruppo Ferretti. «Nel mondo della nautica - aggiunge - dove sussistono personalismi e dove nelle associazioni si è prima imprenditori che associati, questo elemento di indipendenza ci sembra un fattore positivo». Ma le novità non sono finite qui, perchè il sodalizio degli ex Ucina, ha firmato proprio in questi giorni un accordo con Fiera di Milano per la pianificazione di una serie di eventi nautici che, a partire dal 2017 verranno organizzati in diverse località italiane.

Un’intesa che era nell’aria, come già anticipato nelle scorse settimane dal Secolo XIX/The MediTelegraph , ma che ora è stata messa nero su bianco. «Ci siamo accordati con la realtà milanese - racconta Vitelli - per programmare l’organizzazione del nostro calendario eventi». Secondo fonti vicine al dossier, tra circa un anno, le kermesse organizzate da Nautica Italiana saranno tre: la principale a primavera e dedicata ai medi e grandi yacht sarà probabilmente a Genova, anche se la Toscana, Viareggio in testa, come location non è stata ancora del tutto esclusa. La seconda rassegna invece dovrebbe prendere vita a Milano, probabilmente in autunno: un evento dedicato al comparto degli accessori e alle piccole unità da diporto, mentre in ultimo, un salone minore, e differente come pianificazione rispetto al grande evento di maggio, dovrebbe essere programmato sempre in Liguria, nell’area del Tigullio, e incentrato sui mega yacht.

Nel frattempo l’attività dell’associazione prosegue anche su altri fronti. «Non credo che nessuna delle nostre aziende si presenterà al salone di Venezia organizzato tra poche settimane da Ucina», aggiunge l’imprenditrice del gruppo torinese di Avigliana, «semplicemente perchè un evento organizzato in Adriatico è logisticamente penalizzando per la maggior parte dei cantieri italiani che sono basati nel Tirreno». Nel corso di quest’anno, le aziende associate a Nautica Italiana, valuteranno poi in un secondo momento anche l’eventuale presenza al Salone Nautico di Genova, quello tradizionalmente organizzato nel mese di autunno, «soprattutto in base al programma di eventi che stiamo pianificando». Intanto, durante la rassegna fieristica di Miami, alla quale hanno partecipato di recente numerose aziende nostrane, è ulteriormente cresciuto il numero di imprese associate alla realtà degli ex Ucina. «Una cifra in costante crescita - chiude Giovanna Vitelli - e questo non può che farci enormemente piacere».

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››