SERVICES

Seatec, stampata una plancia stampata in 3D

Marina di Carrara - Sono gli unici nel panorama internazionale che riescono a stampare un’intera plancia di comando, per imbarcazioni di tutti i tipi, in tre dimensioni: sono i giovani della Superfici, ditta della Spezia, che ha sviluppato l’idea della stampa tridimensionale

Marina di Carrara - Sono gli unici nel panorama internazionale che riescono a stampare un’intera plancia di comando, per imbarcazioni di tutti i tipi, in tre dimensioni: sono i giovani della Superfici, ditta della Spezia, che ha sviluppato l’idea della stampa tridimensionale, applicandola inizialmente a piccole componenti per la nautica, oggettistica e modellismo, poi a intere parti di barche e yacht.

Quello che hanno presentato a Seatec 2019, rassegna internazionale di tecnologie, subfornitura e design per imbarcazioni, yacht e navi aperta oggi a CarraraFiere, come innovativa start-up, è una plancia di comando completamente realizzata con una delle 10 stampanti in 3D in possesso della ditta. In un video di 60 secondi, proiettato nello stand della start-up tutto l’iter, dal disegno del progetto, alla verniciatura finale. La plancia è stata interamente progettata e stampata presso la sede di Superfici.

Realizzata tramite tecnologia Fdm (modellazione e deposizione fusa), si stampa solo ciò che serve, non ci sono sprechi, non ci sono materiali di scarto e si riesce a ridurre al minimo il peso complessivo del manufatto.

Pesa meno di 15 chili, è di facile smaltimento e permette di installare tutte le componenti tecniche della plancia (schermi, timoneria, bussola) senza effettuare lavorazioni successive come avverrebbe, invece, utilizzando la tecnica in vetroresina.


PREMIATI I MIGLIORI PROGETTISTI NAUTICI
Al Seatec inoltre è stato assegnato il premio Myda, competizione organizzata da Imm-CarraraFiere, alla sua 16esima edizione, per valorizzare designer nautici e navali di maggior talento. Il premio per la categoria professionisti, sezione barca a misura d’uomo, è andato al progettista Anthony Lee per MultyDouble.Tra gli esordienti premiato Sebastian Borzoni col progetto S005. Menzioni inoltre a Marco Sbaraccani e Pierluigi Tomassi per il progetto G-Hull, ad Alessia Altamura e Pamela Campioni per il progetto Kubo. Menzione speciale anche a Sebastiano Canto per il suo Ethos 47 e per il progetto Skeleton a Mario Nichelli e Vangel Gjorgiev.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››