SERVICES

Nautica, valore aggiunto +15,2% in tre anni

Santa Margherita - Il settore della nautica italiana è in crescita, in valore aggiunto è pari a quasi 12 miliardi di euro e coinvolge circa 17 mila addetti alla costruzione, 105 mila nella subfornitura ai cantieri e nella componentistica, 39 mila nelle riparazioni e nel refit e nei servizi, 20 mila nel turismo e commercio

Santa Margherita - Il settore della nautica italiana è in crescita, in valore aggiunto è pari a quasi 12 miliardi di euro e coinvolge circa 17 mila addetti alla costruzione, 105 mila nella subfornitura ai cantieri e nella componentistica, 39 mila nelle riparazioni e nel refit e nei servizi, 20 mila nel turismo e commercio. Diminuisce il numero di stabilimenti ma aumenta la qualità e il moltiplicatore del valore aggiunto. Sono i dati emersi dalla convention Ucina Satec 2019: «Le capitali della nautica» che si è tenuta a Santa Margherita Ligure. Il convegno ha rappresentato la prima uscita ufficiale del neo presidente di Ucina Saverio Cecchi: «Vedendo questi dati sono orgoglioso di quello che facciamo - ha detto - noi siamo un settore fondamentale per l’economia del nostro Paese e chiediamo alle istituzioni che ci affianchino concretamente e non con strette di mano e passerelle elettorali». Il comparto è stato fotografato dalla fondazione Symbola e illustrato da Domenico Sturabotti: «È un quadro il nostro in evoluzione - dice - che vede il settore della nautica in crescita in termini di efficienza. Complessivamente nella filiera c’è una riduzione di stabilimenti, in tendenza con tutta la manifattura italiana, ma a fronte di ciò vi è un incremento del valore aggiunto nella filiera cantieristica tre volte maggiore rispetto a quello nazionale e un sensibile aumento degli addetti. L’aspetto interessante è che la produzione cantieristica, che rappresenta il cuore di questa filiera, riesce ad attivare nel resto della filiera 10 volte il numero di addetti e 10 volte in numero di valore aggiunto». Un comparto dunque che attiva molto nell’economia distributiva a livello italiano in cui ci sono due regioni che primeggiano, Liguria e la Lombardia per numero di imprese. Per quanto riguarda la cantieristica, invece, lo studio evidenzia il sorpasso di La Spezia rispetto a Lucca - Viareggio. «La nautica - ha concluso Sturabotti - sta puntando molto sulla qualità rispetto alla quantità di qualche anno fa».


«IL GOVERNO CI ASCOLTI»
«Ci sono alcuni dossier ancora aperti, però il messaggio forte al governo e alle istituzioni è che ci devono far lavorare e ci devono ascoltare. Mi auguro vengano al Salone Nautico con dei risultati veri perché il nostro comparto sta crescendo, sta dimostrando di essere una grande realtà per lo sviluppo del Paese e quindi ci devono ascoltare». Così il neo-presidente di Ucina-Confindustria Nautica Saverio Cecchi, oggi a margine della convention Satec 2019 a Santa Margherita Ligure, dopo il messaggio lanciato dal palco alle istituzioni, rispondendo sulle richieste da parte del settore al governo.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››