SERVICES

Conto alla rovescia per la Zes della Campania

Napoli - Zona economica speciale in dirittura di arrivo per la Campania? Sembrerebbe proprio di sì, parola del ministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio. In settimana infatti si dovrebbe procedere agli ultimi adempimenti per far concretamente partire la Zes

Napoli - Zona economica speciale in dirittura di arrivo per la Campania? Sembrerebbe proprio di sì, parola del ministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio. In settimana infatti si dovrebbe procedere agli ultimi adempimenti per far concretamente partire la Zes, ovvero la nomina, da parte del governo, di due componenti del Comitato di indirizzo, uno per Palazzo Chigi e l’altro per il ministero dei Trasporti e l’emanazione del decreto di semplificazione amministrativa per le imprese che scelgono di investire nella Zes.

In Campania la Zes riguarda i porti di Napoli, Salerno e Castellammare, riguarda un’area di 5.000 ettari in cui sono compresi, oltre ai tre porti, i retroporti, gli interporti e le aree di sviluppo industriale.

Per questa che sarà la prima Zes in Italia, sono previsti crediti di imposta pari al 50% per ogni progetto fino a 50 milioni, con l’obbligo però di operare in esportazione e importazione con un porto e rimanere nella Zes per almeno sette anni.

Pietro Spirito, presidente dell’Autorità di sistema portuale del Tirreno Centrale che per la realizzazione della Zes ha profuso molte energie, così ha commentato l’annuncio del vicepremier Di Maio: «Per me significa soprattutto che una squadra di persone di buona volontà ha raggiunto un obiettivo importante per lo sviluppo del territorio. Per l’Adsp significa che la portualità campana dispone di uno strumento in più per sviluppare la propria attività logistica perché l’attrazione degli investimenti industriali potrà generare la crescita della movimentazione delle merci. Ora però bisogna lavorare al decreto per la semplificazione amministrativa Indispensabile per questo eccezionale giro di boa. Le premesse positive ci sono tutte se consideriamo che nel mondo ci sono 4.500 Zes presenti in 135 paesi e tutte si sono rivelate uno straordinario volano per l’economia dei territori in cui insistono».

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››