SERVICES

Formazione, la Liguria punta su hi tech e logistica

Genova - Sono 33 milioni di euro.A tanto ammonta il budget complessivo delle risorse destinate dalla Regione Liguria per i programmi di formazione e sviluppo dell’occupazione giovanile. Due sono le misure sono state approvate durante l’ultima giunta regionale

Genova - Sono 33 milioni di euro. A tanto ammonta il budget complessivo delle risorse destinate dalla Regione Liguria per i programmi di formazione e sviluppo dell’occupazione giovanile. Due misure sono state approvate durante l’ultima giunta regionale, su proposta degli assessori alla Formazione Ilaria Cavo e alle Politiche attive del lavoro Gianni Berrino: le linee d’indirizzo del pacchetto giovani 2018-2020 (con il primo bando che prevede una prima erogazione di 8 mln di euro) e il piano Garanzia Giovani 2019-2020. «Si tratta - ha detto il governatore Giovanni Toti - di misure potenti che hanno l’obiettivo di fare formazione mirata, a immediato sbocco occupazionale, ma con uno sguardo anche all’alta formazione». Si punta su turismo, hi tech e “blue economy” legata al mare. «Oltre alle linee guida per l’attivazione di tutte le misure del Pacchetto Giovani è stato approvato un primo bando da 8 mln di euro, per dare una rapida attuazione alla prima misura “Formarsi per competere”, destinata ai disoccupati o inoccupati under 29 - spiega Cavo - da gennaio gli enti di formazione, in accordo con le aziende, potranno presentare progetti di formazione». Saranno finanziati corsi nei settori della logistica, high tech, scienze della vita, cybersecurity, meccatronica, cantieristica navale, nautica, energia, crocieristica oltre che alle professioni per cui la legge regionale di stabilità 2018 prevede agevolazioni, come commercio al dettaglio e ristorazione.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››