SERVICES

L’export di auto Fca fa volare Civitavecchia

Civitavecchia - Nel 2016 previste 315.000 vetture. Il porto laziale diventa leader nel settore grazie ai collegamenti di Grimaldi.

Civitavecchia - In un anno il porto di Civitavecchia è diventato lo scalo principale per l’export delle auto: «E la quota è destinata a crescere» spiega il commissario Pasqualino Monti. Le previsioni per il 2016 sono di ulteriore crescita rispetto alle 200mila auto dell’anno appena passato: «Chiuderemo a 315 mila vetture, ma ci teniamo ancora bassi». L’Authority infatti ha escluso dal calcolo il nuovo traffico che dovrebbe arrivare quando anche li linee di produzione di Cassino saranno a regime. Oggi i volumi sono tutti della fabbrica di Melfi, ma presto dovrebbero arrivare anche le Alfa Romeo che saranno imbarcate sulle car carrier di Grimaldi in direzioni Stati Uniti con due navi a settimana. Destinazione i porti di Halifax e di Baltimora. È lì, sulla East Coast che arrivano le nuove 500 e le Jeep del gruppo Fca. «Siamo partiti nel 2012, un anno dopo avevamo completato le opere necessarie e nel 2014 abbiamo mosso i primi passi . Adesso siamo in pieno boom, la maggior quota la facciamo sull’export, ma stiamo migliorando anche sull’import. E facciamo tutto su treno». Per la prima volta tutti i terreni del retro porto di Civitavecchia «sulla cui utilità molti negli anni passati si erano interrogati» sono stati saturati e cosi le banchine nord del porto. «Abbiamo determinato una crescita di fatturato e di lavoro per la Compagnia portuale e l’impresa della Compagnia che si è attestato fra il 30 e il 50%». Ma è tutto il porto, spiega Monti ad essere cresciuto: il traffico di Civitavecchia ha segnato +9,6% nel 2015. Non è finita: il bando del nuovo terminal container è stato già pubblicato, il gruppo Gavio - con Enele e Sodeco - è pronto a investire 300 milioni, mentre 200 sono a carico dell’Authority. Traffico potenziale 600 mila teu. «Ancora sessanta giorni per l’istanza, poi il progetto esecutivo e se tutto va bene ad inizio 2017 possono partire i lavori». Cinque anni di lavori e poi Civitavecchia dopo crociere e auto, punterà ai container.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››