SERVICES

«Dragaggi in ritardo e dogane arretrate». Amburgo scopre il fascino del mugugno

Genova - Amburgo non cresce, rimane «in linea con il livello dell’anno scorso» anche nel settore container.

Genova - Amburgo non cresce, rimane «in linea con il livello dell’anno scorso» anche nel settore container. E la colpa è delle infrastrutture non adeguate: i ritardi nel realizzare i dragaggi e la lentezza delle procedure doganali sono le due cause principali. Lo dice l’Authority dello scalo, lamentandosi con le istituzioni locali. Così anche i tedeschi, almeno nei porti, si scoprono un po’ più simili a noi. I numeri del semestre dello scalo principale della Germania sono comunque alti, almeno in cifre assolute: 4,5 milioni di teu movimentati e previsioni per la fine dell’anno vicine ai 9 milioni. Eppure non c’è crescita, anzi: ci sono più problemi che motivi per festeggiare. Intanto sul fronte terminal; i due principali operatori viaggiano a velocità differenti: Hhla funziona, mentre Eurogate soffre. Colpa delle nuove alleanze tra compagnie che hanno rivoluzionato le rotte . Dall’Authority tedesca spiegano però che peggio hanno fatto i ritardi per portare i fondali del fiume Elba - la via d’acqua che porta allo scalo - a profondità adeguate alle mega navi. E poi un altro colpo l’ha dato la lentezza delle dogane che non sblocca il traffico in importazione: «Così molta merce finisce negli altri porti del Northern Range».

Maersk Line vira in positivo
Il settore intanto forse vede la luce in fondo al tunnel. Il gruppo danese Maersk, colosso mondiale dello shipping, viene trascinato in positivo dalla linea che spicca nel secondo trimestre, passando da un rosso di 151 milioni dollari a un profitto di 339 milioni, dopo quattro trimestri in negativo. Anche il cyber attacco subito poco tempo fa non ha affondato i conti della compagnia, nonostante gli alti costi ( 300 milioni di dollari e 70 mila feu in meno). Il gruppo conferma comunque che alla fine dell’anno raggiungerà un miliardo di dollari di profitti.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››