SERVICES

Amianto, Authority di Triste condannata a pagare 645 mila euro

Trieste - Il giudice ha accertato la responsabilità passiva dell’allora Ente Porto (ora Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale) per malattia professionale e morte di un socio lavoratore di una compagnia.

Trieste - L’Autorità portuale di Trieste è stata condannata dal Giudice del Lavoro del Tribunale del capoluogo giuliano a un risarcimento di 645.000 euro a favore dei familiari di un lavoratore, Gino Gruber, morto nel 2015, a 71 anni, per mesotelioma. Il Tribunale - riferisce il quotidiano Il Piccolo - ha accertato la responsabilità passiva dell’allora Ente Porto (ora Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale) per malattia professionale e morte di un socio lavoratore di una compagnia. Gruber era socio-lavoratore della compagnia portuale «Terra», che forniva allo scalo manodopera in appalto. Ha svolto il suo lavoro tra il 1960 e il 1992 nel porto di Trieste, dove all’epoca venivano scaricate tonnellate di amianto, provenienti in particolare dal Suafrica. Ha cominciato ad ammalarsi nel 2013 ed è morto due anni dopo. Il risarcimento è stato riconosciuto agli eredi legittimi: la moglie, le due figlie e due nipoti. Il presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale, Zeno D’Agostino, ha detto che per un ente pubblico è quasi un obbligo presentare ricorso contro la sentenza.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››