SERVICES

Genova-Savona, «nuove regole per il maltempo»

Genova - Si è svolto questa mattina il primo incontro sul tema del lavoro negli scali di Genova e Savona in porto durante un’allerta rossa. I sindacati, dopo la recente ondata di maltempo durante la quale il porto non è stato fermato, hanno chiesto questa mattina a Palazzo San Giorgio la creazione di un nuovo regolamento

Genova - Si è svolto questa mattina il primo incontro sul tema del lavoro negli scali di Genova e Savona in porto durante un’allerta rossa. I sindacati, dopo la recente ondata di maltempo durante la quale il porto non è stato fermato, hanno chiesto questa mattina a Palazzo San Giorgio la creazione di un nuovo regolamento per il lavoro in banchina con norme che prevedano la chiusura dello scalo nel caso in cui venga meno la sicurezza dei lavoratori che operano in banchina.

La richiesta è stata fatta da Cgil, Cisl e Uil al presidente dell’Autorità di sistema portuale, Paolo Emilio Signorini mentre era assente la Capitaneria di Porto: «Chiediamo sicurezza per i lavoratori: le decisioni non possono essere prese più dai singoli terminalisti. In caso di maltempo ci devono essere regole certe per tutti e una decisione che coinvolga tutti i terminal. Gli operatori non possono più fare ciò che vogliono». Oltre allo scalo di Genova, il nuovo regolamento che verrà creato toccherà anche le banchine di Savona: «L’incontro è stato positivo, ma se non verranno fatte nuove regole sa Authority e Capitaneria siamo pronti allo sciopero».

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››