SERVICES

Mumbai da record nel traffico container, Apm sopra i 2 milioni

Lo scalo indiano della capitale supera le previsioni, trainato dall’operatore danese.

Un traguardo importante per il porto indiano di Mumbai che registra uno storico record in termini di movimentazione di container. Apm Terminals Mumbai - parte dello Jnpt (Jawaharial Nehru Port Trust) - è diventato infatti il primo terminal container indiano a gestire più di 2 milioni di teu in un anno.

Secondo quanto riferito in una dichiarazione ufficiale, si tratta di un primato assoluto per il porto, che si impone con risultati così rilevanti per la prima volta da quando è stato commissionato nel 2006.

Non si tratta del primo record, invece, per le strutture gestire dalla Apm Terminals – società leader a livello globale per quanto concerne la gestione dei terminal container - che questa settimana sono state protagoniste di un altro primato importante, questa volta in California. Il Pier 400 Los Angeles Terminal - nel porto di Los Angeles - ha infatti raggiunto la quota record di 27.846 teu gestiti nel corso delle operazioni di scarico e ricarico di una meganave della società danese Maersk.

«Un risultato importante, ma che lo diventa ancora di più se si tiene in considerazione il fatto che nei prossimi anni il trend in crescita verrà assolutamente mantenuto»: è ciò che assicura nella sua dichiarazione Apm Terminals Mumbai, supportato dalle cifre che confermano volumi in crescita per quanto riguarda sia l’import che export “containerizzati”. Il terminal ha abbracciato al 100% la digitalizzazione quale “step” indispensabile per gestire le dinamiche commerciali in rapido e profondo cambiamento, così come ha supportato pienamente l’iniziativa promossa dal governo indiano intitolata “Ease-of-Doing-Business”.

«Sono molto orgoglioso del risultato che abbiamo raggiunto e per questo devo ringraziare tutte le persone che lavorano con noi, compresi gli appaltatori e tutta la forza lavoro che opera in prima linea – ha dichiarato Ravi Gaitonde, Chief Operating Officer presso la Apm Terminals Mumbai – Abbiamo lavorato come un team, e abbiamo ottenuto questa performance record. Un risultato che, mi piace sottolineare, è stato raggiunto assicurando sempre la sicurezza di tutte le operazioni. Proprio per questo – conclude Gaitonde – vorrei esprimere tutta la mia più sincera gratitudine a tutti i nostri clienti e ai nostri partner commerciali per il supporto dimostrato».

Mumbai, fino al 1995 chiamata ufficialmente Bombay, è la capitale commerciale dell’India. Qui viene prodotto il 5% del Pil nazionale, il 25% della produzione industriale e vengono realizzati il 40% del commercio marittimo e il 70% delle transazioni di capitali dell’economia indiana. A Mumbai risiede il più importante porto indiano, collegato con gli altri punti nevralgici del paese tramite collegamenti ferroviari e aerei.

Apm Terminal Mumbai – conosciuto anche come Gateway Terminals India – fa parte delle rete globale Apm Terminals. Il terminal è una delle tre strutture gestite dalla Jnpt, nell’ambito della procurata licenza trentennale per la fornitura di servizi legati alla gestione dei container presso il terminal. Apm Terminals è una società internazionale con sede a The Hague, in Olanda, che gestisce terminal container in tutto il mondo. Amministra 74 porti e strutture terminal in 40 paesi del mondo, annoverando altri cinque progetti portuali in corso di sviluppo. Dirige inoltre più di 100 società di servizio per il settore “inland” che si occupano del trasporto dei container e della gestione, manutenzione e riparazione di questi ultimi in 38 paesi, per una presenza globale in 58 paesi del globo.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››