SERVICES

Reti Ten-t, arrivano tredici miliardi per i Paesi dell’Est

Bruxelles - Lo annuncia la Commissione europea pubblicando il piano d’investimenti messo a punto insieme alla Banca mondiale, che prevede la realizzazione di 4.800 chilometri di strade e ferrovie, 6 porti e 11 centri logistici.

Bruxelles - Entro il 2030 la rete transeuropea di trasporto (Ten-t) si estenderà ai sei Paesi del partenariato orientale (Armenia, Azerbaigian, Bielorussia, Georgia, Moldova e Ucraina) con quasi 100 progetti dal valore complessivo di quasi 13 miliardi di euro. Lo annuncia la Commissione europea pubblicando il piano d’investimenti messo a punto insieme alla Banca mondiale, che prevede la realizzazione di 4.800 chilometri di strade e ferrovie, 6 porti e 11 centri logistici nei 6 Paesi partner dell’Est Europa.

«Il piano aiuterà a privilegiare gli investimenti strategici nelle infrastrutture di trasporto con l’obiettivo di completare la rete ten-t considerata uno dei 20 risultati tangibili per il 2020» sottoscritti dall’Ue e dai 6 Paesi del partenariato orientale. I progetti prevedono anche «soluzioni digitali» e una particolare attenzione per «la sicurezza stradale», «allineando gli standard di progettazione con le attuali pratiche dell’Ue», ha sottolineato la commissaria ai Trasporti, Violeta Bulc.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››