SERVICES

Il Nyt: «La Trieste dimenticata rinascerà grazie alla Cina»

Roma - Trieste finisce sul New York Times per il suo ruolo chiave nella Belt and Road Initiative.

Roma - Trieste finisce sul New York Times per il suo ruolo chiave nella Belt and Road Initiative. Ecco come viene descritta la situazione attuale da una prospettiva d’oltreoceano, nell’articolo “A forgotten italian port could become a chinese gateway to Europe” di Jason Horowitz: «Per secoli, questa città portuale cosmopolita sulla punta settentrionale della Costa Adriatica italiana ha funzionato come un punto di riferimento geografico tra gli imperi. Poi, per quasi 70 anni, la stella geopolitica di Trieste si è affievolita e il suo vecchio miscuglio di culture dell’Europa centrale è diventato stantio, come un vecchio strudel in uno dei suoi eleganti caffè. Ora, per gentile concessione di una Cina in ascesa, Trieste sembra pronta a tornare al centro di un mondo in riallineamento».

Secondo il Nyt, il rapporto tra il capoluogo giuliano e la Cina è già piuttosto intenso: «Camminare per Trieste significa testimoniare come la città sia già stata aperta alla Cina. I turisti cinesi acquistano il marchio Illy della città e scattano foto con i loro telefoni Huawei dell’elegante Caffè Degli Specchi. Una nuovissima nave da crociera, costruita nei cantieri navali vicini, espressamente per i passeggeri cinesi, è ormeggiata nella piazza centrale del lungomare, preparandosi a salpare sul percorso di Marco Polo verso l’Estremo Oriente. Più significativo, i lavoratori edili in attrezzature subacquee hanno gettato le fondamenta vicino al sito dove si prevede che un nuovo molo diventerà la casa della Cina nel porto industriale».

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››