SERVICES

Gruppo Spinelli: i lavoratori delle aree ex Ilva scrivono a Toti, Bucci e Signorini

Genova - Una lettera indirizzata al presidente della Regione, al sindaco, alla Società Per Cornigliano e all’Autorità portuale per denunciare il “disinteresse assoluto e generalizzato verso le nostre gravi problematiche, tenute in considerazione solamente dalla nostra azienda di appartenenza”.

Genova - Una lettera indirizzata al presidente della Regione, al sindaco, alla Società Per Cornigliano e all’Autorità portuale per denunciare il “disinteresse assoluto e generalizzato verso le nostre gravi problematiche, tenute in considerazione solamente dalla nostra azienda di appartenenza”. A firmarla sono i lavoratori del gruppo Spinelli “ricollocati sulle aree ex Ilva a seguito del cambio di destinazione d’uso effettuato dal Comune di Genova sulla collina degli Erzelli”. “Si susseguono molte notizie che ci fanno comprendere come la nostra permanenza su queste aree sia messa seriamente in discussione da diverse forze politiche, che sembrerebbero minimizzare la nostra esistenza e quelle delle nostre famiglie e dei nostri figli. (…). Ci riferiamo, ad esempio, al bando di gara che sarebbe stato sospeso dal Tar. Bando che non prevedeva alcuna clausola sociale, che vi chiediamo di inserire nel prossimo bando. (…). Siamo rimasti molto perplessi dall’attenzione mediatica che ricevono le aree su cui lavoriamo e siamo meravigliati che la stessa attenzione non sia stata dedicata alle aree dell’aeroporto di Genova occupate da realtà – parrebbe – senza alcuna gara e/o da altri soggetti per i quali il problema occupazionale dovrebbe essere considerato minore, numericamente parlando, rispetto al nostro”.
“Chiediamo – scrivono i lavoratori – che venga fissato a breve un incontro utile a conoscere quali siano le intenzioni delle istituzioni che voi rappresentate. Istituzioni che hanno consentito l’attuale situazione attraverso un contratto firmato da Claudio Burlando, Giuseppe Pericu e dall’allora presidente dell’Autorità portuale e dal presidente della Provincia”.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››