SERVICES

«Il nuovo governo non dimentichi i porti»

Roma - «È necessario che il nuovo governo abbia chiara l’importanza di identificare le infrastrutture utili al paese e su quelle faccia uno sforzo di investimento eccezionale»: così il presidente di Assoporti, Daniele Rossi

Roma - «È necessario che il nuovo governo abbia chiara l’importanza di identificare le infrastrutture utili al paese e su quelle faccia uno sforzo di investimento eccezionale»: così il presidente di Assoporti, Daniele Rossi. «Considerando che le inefficienze del sistema logistico nazionale costano al sistema Paese 50 miliardi l’anno, riteniamo che i temi legati alla portualità e alla logistica debbano trovare riscontro nel programma del nuovo governo. In particolare - continua Rossi- è necessario investire condeterminazione sulla digitalizzazione dei sistemi logistici per sfruttare pienamente le capacità infrastrutturali; migliorare le connessioni tra porti e reti di trasporto terrestri, soprattutto ferroviarie dedicare infrastrutture ferroviarie al traffico merci; semplificare il codice appalti e la normativa ambientale, in particolare per quanto riguarda i dragaggi; puntare concretamente sugli investimenti per la sostenibilità ambientale delle attività portuali. Si parla tanto di rischio di infrazione. Sbloccare questi investimenti e tutto ciò che concerne la vita dei porti italiani vuol dire solo crescita del prodotto interno lordo. Mi auguro che il nuovo governo sia sensibile a questi temi» conclude Rossi.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››