SERVICES

I porti italiani e l’economia svizzera, convegno a Lugano

Lugano - L’evento si svolgerà mercoledì prossimo, 20 novembre, al LAC e vedrà, fra gli altri, la presenza dei due sindaci di Lugano, Marco Borradori e di Genova, Marco Bucci, del presidente del Gran Consiglio del Ticino, Claudio Franscella, dei vertici della Regione Liguria e della Regione Lombardia.

Lugano - Coni d’ombra sulle linee ferroviarie che dovrebbero comporre l’asse fra Nord e Sud, ovvero fra AlpTransit e, attraverso Milano e il Terzo valico, i porti del Mediterraneo. Ritardi nella realizzazione di infrastrutture strategiche, una “bolletta” logistica troppo alta per le aziende di trasporto e spedizioni che in Ticino, come in Lombardia, conducono una battaglia quotidiana per l’efficienza e la competitività. Questo il fil rouge che collegherà le sessione di “Un Mare di Svizzera 2”, il convegno che si svolgerà mercoledì prossimo, 20 novembre, al LAC e che vedrà, fra gli altri, la presenza dei due sindaci di Lugano, Marco Borradori e di Genova, Marco Bucci, del presidente del Gran Consiglio del Ticino, Claudio Franscella, dei vertici della Regione Liguria e della Regione Lombardia e del Consigliere Nazionale e membro della Commissione Trasporti, Fabio Regazzi. Al confronto, organizzato dall’Associazione svizzera dell’autotrasporto, ASTAG, attraverso la sezione Ticino, parteciperanno tutte le categorie più rappresentative del trasporto, della logistica e delle spedizioni, in Svizzera e nella macro area produttiva e industriale del nord ovest italiano.
È prevista - si legge in una nota - anche la presenza del Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale. Moderatore Simone Gallotti, giornalista del MediTelegraph.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››