SERVICES

Aree Ilva, Merlo (Federlogistica): «Recuperare quelle inutilizzate»

Genova - Recuperare una parte delle aree dell’Ilva di Cornigliano a Genova, quelle sottoutilizzate, per attività di logistica.

Genova - Recuperare una parte delle aree dell’Ilva di Cornigliano a Genova, quelle sottoutilizzate, per attività di logistica. È l’idea lanciata dal presidente di Federlogistica Luigi Merlo nel corso del forum su “Logistica c’è spazio per tutti?” organizzato da The Meditelegraph a Palazzo San Giorgio. «All’epoca dell’Accordo di programma che ha chiuso le lavorazioni a caldo dell’Ilva, chi gestiva l’azienda ha distribuito su un milione di metri quadrati di grande valore impianti che potevano essere invece concentrati su 300-400 mila metri, cosa che avrebbe consentito uno sviluppo duale oltre alla logistica dell’acciaio» spiega Merlo.
«Credo che un ragionamento per riconsiderare in maniera positiva l’Accordo di programma si debba ancora fare - incalza Merlo - proprio per valorizzare meglio il rilancio, che auspichiamo, di Ilva e anche per dare l’opportunità a Genova di essere un grande polo logistico. Dal punto di vista degli spazi di questo porto e di questa città è apprezzabile individuare sul territorio zone logistiche anche in Valbisagno e Valpolcevera, ma abbiamo aree che sono state distribuite funzionalmente male a Cornigliano e che sono sottoutilizzate e potrebbero avere dal punto di vista della funzione logistica un ruolo centrale».

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››