SERVICES

Taranto, il progetto Distripark nelle mani dell’Autorità portuale

Taranto - Lo annuncia il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, con delega alla programmazione economica, Mario Turco.

Taranto - L’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ionio, con base il porto di Taranto, è il nuovo soggetto attuatore del “progetto Distripark”, per il quale la delibera Cipe n. 155 del 2000 aveva assegnato un importo di 12 milioni di euro. Lo annuncia il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, con delega alla programmazione economica, Mario Turco. «La decisione - dichiara Turco - è emersa oggi dai lavori del Cipe che si sono conclusi in serata. Già nelle scorse settimane presso il Dipe, il Dipartimento della Programmazione economica che guido in qualità di sottosegretario alla presidenza del Consiglio, avevamo convocato un tavolo per sbloccare un progetto che si era arenato con la messa in liquidazione della vecchia società».
«Il Distripark - afferma il sottosegretario - nasce come piattaforma logistica nell’area retroportuale tarantina e punta ad avere un significativo impatto in termini di crescita economica e occupazionale. Voglio ringraziare il presidente del Consiglio e il ministro dello Sviluppo economico, per la concreta disponibilità a voler risolvere la questione legata al rilancio della piattaforma. Ora il progetto è nelle mani dell’Autorità portuale di Taranto che dovrà nel breve procedere al completamento dell’opera».

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››