SERVICES

Benetton: «Siamo pronti all’Opa su Abertis»

New York - «Siamo pronti con Atlantia a l anciare un’offerta pubblica d’acquisto amichevole sulle autostrade spagnole Abertis. Stiamo aspettando il via libera della Cnmv, la Consob spagnola». Ha un sogno Gilberto Benetton: «Creare il più grande e efficiente operatore mondiale di autostrade»

New York - «Siamo pronti con Atlantia a l anciare un’offerta pubblica d’acquisto amichevole sulle autostrade spagnole Abertis. Stiamo aspettando il via libera della Cnmv, la Consob spagnola». Ha un sogno Gilberto Benetton: «Creare il più grande ed efficiente operatore mondiale di autostrade, con partecipazioni anche in Sud America, e nella gestione aeroportuale, Nizza e Roma». Il presidente di Autogrill e vice presidente di Edizione, la potente holding della famiglia di Ponzano Veneto, lo dice con un po’ di emozione durante la cena di gala all’albergo Jw Marriot Essex House.

«Il mercato apprezza questa operazione e noi siamo fiduciosi. Le autostrade sudamericane le faremo gestire ad Abertis». Benetton è a New York, dove giovedì ha ricevuto dal “Gruppo esponenti italiani” il premio “Gei Award 2017” per l’attività svolta a favore dell’industria italiana. Non è un caso che l’annuncio del matrimonio ormai vicinissimo tra Atlantia e Abertis (l’ok della Consob spagnola potrebbe esserci già settimana prossima) arrivi proprio da New York. Una città simbolo per i Benetton, sempre più testa di ponte per gli affari della famiglia tra l’America e l’Europa. Sempre qui, nella Grande Mela, i Benetton festeggiano, sotto la regia di Gianmario Tondato, da 14 anni ad di Autogrill, i quarant’anni della società, nata nel 1977 dalla fusione delle attività di ristorazione di Pavesi, Motta e Alemagna. «Il mercato Usa è sempre più importante per Autogrill - ha spiegato ieri Tondato - È arrivato a valere 2,6 miliardi di dollari, oltre la metà del fatturato totale del gruppo (ndr, 4,5 miliardi di euro nel 2016)».

Mentre l’obiettivo di Gilberto Benetton è celebrare le nozze Atlantia-Abertis entro la fine di quest’anno (salvo che i concorrenti spagnoli di Acs non riescano in extremis a mettere i bastoni tra le ruote con una controfferta), Tondato spinge l’acceleratore su una maxi-riorganizzazione di Autogrill. In meno di tre mesi il colosso della ristorazione per chi viaggia si farà in quattro: sotto il cappello della holding quotata, Autogrill Spa, confluiranno la società italiana con le concessioni di autostrade, aeroporti e le attività nelle stazioni ferroviarie; un ramo d’azienda che racchiuderà le aziende con sede in Europa continentale e una terza società di servizi ed elaborazione dati. La quarta, già sotto il controllo di Autogrill, è Hms Host acquistata nel 1999, vera gallina dalle uova d’oro che gestisce gli affari in Usa. Gli analisti si interrogano sulla possibilità che una delle attività, in particolare quella italiana, possa essere quotata o venduta, ma Tondato taglia corto: «Ora lo scopo è rendere più semplice e trasparente l’organizzazione». L’approvazione definitiva da parte del cda è prevista per novembre. E la riorganizzazione - spiega l’ad di Autogrill - sarà efficace dal 1° gennaio del 2018.

Al TechFest, il festival dedicato alle tecnologie del futuro, promosso a New York dal magazine The New Yorker, Tondato ha discusso dei rapporti tra cibo e tecnologia con Dan Barber, chef e uno dei proprietari del prestigioso Blue Hill. Qui ha presentato la App per telefonino Host2Coast, un’applicazione che offre ai viaggiatori dei principali aeroporti Usa la possibilità di individuare i più vicini ristoranti, visualizzare il menù e ordinare ciò che si desidera e trovarlo già pronto nel ristorante scelto. La prossima meta di Autogrill all’estero sarà la Cina. «Siamo già presenti a Pechino e Shanghai - assicura Tondato - Ma stiamo lavorando a un’operazione importante». Al ritorno in Italia, invece, i Benetton dovranno presto sciogliere un nodo importante: cosa fare con Save. «Sarà il cda del 13 ottobre - spiega Marco Patuano, ad di Edizione holding - a decidere se restare o uscire dagli aeroporti di Venezia».

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››