SERVICES

Veneto e Fvg, le autostrade diventano pubbliche

Trieste - Tra la Regione Friuli Venezia Giulia e la Regione Veneto si va verso la costituzione di una società per azioni in house, cioè a capitale interamente pubblico. Si chiamerà Società autostrade Alto Adriatico e avrà un capitale sociale di sei milioni di euro

Trieste - Tra la Regione Friuli Venezia Giulia e la Regione Veneto si va verso la costituzione di una società per azioni in house, cioè a capitale interamente pubblico. Si chiamerà Società autostrade Alto Adriatico, avrà un capitale sociale di sei milioni di euro (due terzi al Friuli Venezia Giulia e un terzo al Veneto) e potrà subentrare senza gara europea nella gestione delle tratte autostradali attualmente di competenza di Autovie Venete, ottenendo in proposito una concessione trentennale da parte del ministero delle Infrastrutture.

Il primo atto che porterà alla nascita della nuova società è stato formalizzato dalla giunta regionale del Friuli Venezia Giulia, che nella riunione di ieri ha approvato una delibera, comprensiva dello schema di atto costitutivo e dello Statuto, nonché il testo dell’accordo che sarà sottoscritto tra le due amministrazioni regionali per l’esercizio del controllo cosiddetto “analogo” congiunto sulla nuova Spa, attraverso uno specifico Comitato di indirizzo. Inizialmente la newco avrà un amministratore unico, fino al perfezionamento della concessione con il ministero. Non è da escludere un eventuale ingresso successivo dell’Anas nella compagine societaria, qualora le condizioni lo richiedessero.

Il principale scopo della nuova società consisterà - così nello Statuto - nelle attività di progettazione, costruzione, esercizio e adeguamento di autostrade, infrastrutture di trasporto limitrofe alla rete autostradale, infrastrutture di sosta ed intermodali, oltre che delle relative adduzioni. In tali attività debbono considerarsi comprese anche quella di mera gestione del servizio autostradale e di manutenzione dei tratti autostradali.

Si tratta in pratica di subentrare ad Autovie Venete, che è concessionaria delle tratte autostradali A4 Venezia - Trieste, A23 Palmanova - Udine Sud, A28 Portogruaro - Pordenone - Conegliano, A57 tangenziale di Mestre (con competenza fino al Terraglio) e della A34 Villesse - Gorizia, in forza di una convenzione stipulata con Anas, scaduta il 31 marzo 2017 e attualmente in regime di proroga. Si tratta in particolare di completare la grande partita della realizzazione della terza corsia sulla tratta Venezia-Trieste della A4.

La costituzione della newco fa seguito al fatto che il Mit e le due Regioni hanno ritenuto di assoluta importanza garantire a un soggetto pubblico la gestione e la realizzazione degli interventi sull’infrastruttura viaria autostradale, per garantire continuità ed efficacia ai lavori previsti per la realizzazione della terza corsia.

Era del resto questo l’intento del protocollo d’intesa sottoscritto tra i tre soggetti pubblici all’inizio del 2016, finalizzato appunto a individuare e adottare le misure necessarie, da attuarsi con strumenti normativi e amministrativi, per ottenere l’affidamento della concessione autostradale ad una società a capitale interamente pubblico, a differenza di quanto accade oggi. I soci di Autovie Venete infatti non sono solamente pubblici. Nel capitale sociale figurano anche diversi soci privati, in particolare istituti bancari e assicurativi.

Ma le recenti normative comunitarie prevedono la possibilità dell’affidamento della concessione senza gara europea di tratte autostradali solo se a concorrere siano società interamente pubbliche.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››