SERVICES

Cagliari studia il volo diretto per Pechino

Cagliari - Stanno lavorando a questo ipotesi imprenditori di entrambi i Paesi insieme alle istituzioni, ha confermato nel suo intervento l’amministratore delegato dell’aeroporto di Cagliari-Elmas Alberto Scanu.

Cagliari - L’impegno per attivare un volo diretto Cagliari-Pechino entro l’anno è stato annunciato nella giornata finale della settimana della scienza Italia-Cina che si è svolta a Cagliari nei locali dell’ex Manifattura Tabacchi. Stanno lavorando a questo ipotesi imprenditori di entrambi i Paesi insieme alle istituzioni, come ha confermato nel suo intervento l’amministratore delegato dell’aeroporto di Cagliari-Elmas Alberto Scanu. «Questo sarebbe un enorme vantaggio, sia dal punto di vista turistico che dal punto di vista commerciale», ha rimarcato l’assessore alla Programmazione Raffaele Paci: «Vogliamo spingere le nostre aziende a crescere, rafforzarsi, fare filiera per sfidare i grandi mercati internazionali come quello cinese. Perciò abbiamo messo a punto una serie di strumenti finanziari dedicati esclusivamente a questo obiettivo, perché siamo sicuri di avere nei nostri prodotti la carta vincente e dobbiamo aiutare gli imprenditori sardi a raccogliere la grande sfida del mercato globale. Vogliamo che nuove imprese si aprano al mercato cinese. Allo stesso tempo diciamo anche agli imprenditori cinesi che la Sardegna, terra della longevità, ha nel suo insieme un’offerta assolutamente unica al mondo sulla quale vale la pena investire».

La Settimana Italia-Cina della Scienza, della Tecnologia e dell’Innovazione, il più grande evento di internazionalizzazione tra i due Paesi che, dopo le tappe di Roma e Napoli, si è chiusa oggi in Sardegna. «Ospitare la giornata finale della settimana Italia Cina è per noi un grande onore, un riconoscimento prestigioso, perché siamo accreditati come un luogo dove si fa innovazione, tecnologia, ricerca», ha aggiunto Paci.

«Un riconoscimento di ciò che la Sardegna rappresenta oggi con le sue piattaforme tecnologiche, dal Sardinia Radio Telescope al progetto Aria nella miniera di Seruci, dal Sargrav al Joint Innovation Center con Huawei, delle grandi competenze dalle nostre università, dei nostri centri di ricerca, delle nostre start up». All’evento in Manifattura a Cagliari hanno partecipato diversi esponenti istituzionali cinesi e decine di imprese interessate a investire in Sardegna, che da una recente ricerca è risultata essere la quarta regione italiana per appeal turistico all’estero.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››