SERVICES

Autobrennero, Conftrasporto a Kompatscher: «No all’aumento dei pedaggi»

Roma - Botta e risposta tra il presidente della Provincia autonoma di Bolzano, Arno Kompatscher, e il vicepresidente di Confcommercio e Conftrasporto, Paolo Uggè.

Roma - Autostrada del Brennero: botta e risposta tra il presidente della Provincia autonoma di Bolzano, Arno Kompatscher, e il vicepresidente di Confcommercio e Conftrasporto, Paolo Uggè, dopo i gravi disagi dei giorni scorsi lungo l’autostrada A22. «È ormai chiaro che l’obiettivo è quello di fare cassa aumentando i pedaggi per i mezzi pesanti», ha affermato Uggè in una nota. Il riferimento è alle dichiarazioni rese da Kompatscher, che tra le soluzioni al problema della congestione del traffico pesante lungo l’asse del Brennero ipotizza il rincaro dei pedaggi per i tir. «Tra le questioni all’origine del problema di sabato scorso - spiega Uggè - ci sono i divieti di transito “del venerdì” imposti dal Tirolo. Se mi chiudi l’autostrada il venerdì notte e il sabato mattina, è chiaro che, soprattutto in una situazione di maltempo con nevicate eccezionali come quelle registrate la scorsa settimana, il risultato è l’intasamento dell’autostrada, il blocco totale. L’inghippo sta a monte, ed è lì che va cercata la soluzione, non nell’aumento dei pedaggi, che non farebbe che penalizzare un settore già inutilmente “mazziato” lungo i valichi alpini».

«Tirolo e Austria comincino a togliere i divieti di circolazione - prosegue il vicepresidente di Conftrasporto-Confcommercio - è incredibile quanto afferma il presidente della provincia autonoma di Bolzano. Il traffico non è incrementato in modo insostenibile. I livelli raggiunti sono poco più di quelli registrati prima della crisi economica. Se si iniziassero a togliere i divieti introdotti nel fine settimana il traffico si distribuirebbe su più giornate e questo eviterebbe le code che si registrano nei weekend». «Non vorrei che il vero obiettivo fosse quello di ottenere l’incremento dei pedaggi. Ricordo che, per quanto l’inquinamento, i dati stessi dell’autostrada del Brennero attestano che quasi il 60% è generato dai veicoli leggeri. Il governo italiano deve in modo deciso intervenire in quanto le dichiarazioni di Kompatscher potrebbero avvalorare la tesi che il vero obiettivo sia quello di aumentare i ricavi», ha concluso Uggè.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››