SERVICES

Traghetto Fincantieri, in Québec la bufera non si placa / IL CASO

Genova - Non si placano le polemiche sul traghetto “F-A- Gauthier” commissionato a Fincantieri dalla compagnia pubblica Société des traversiers du Québec (Stq)

Genova - Non si placano le polemiche sul traghetto “F-A- Gauthier” commissionato a Fincantieri dalla compagnia pubblica Société des traversiers du Québec (Stq). «Sono state dette e scritte molte cose, abbiamo cercato di ripristinare la verità ma in questo clima non è stato facile. Si tende sempre a esagerare», ha detto il presidente e direttore generale di Stq, Jocelyn Fortier, ammettendo di non essere riuscito, ad oggi, a tranquillizzare la popolazione e l’opinione pubblica.

Il traghetto made in Italy, realizzato a Castellammare di Stabia, è al centro da mesi di una clamorosa bufera politica, in Québec, dovuta in gran parte al «numero preoccupante di difetti riscontrati sulla nave», come denuncia a gran voce l’opposizione. Fortier, a questo proposito, ha spiegato che «i 160 difetti di cui si parla sono, in realtà, una cifra modesta per un prototipo come il traghetto ordinato a Fincantieri. Lo stesso costruttore si aspettava questi rilievi». Fortier ha anche difeso la scelta di dotare il traghetto di propulsione a gas naturale liquefatto, malgrado il “Gauthier” stia utilizzando solo quella a diesel a causa di un problema tecnico. Il traghetto, dal giorno del suo ingresso in attività, è stato fermato tre volte e sarà fermato nuovamente a maggio per una sosta tecnica della durata di un mese: in quell’occasione Fincantieri provvederà a ulteriori ispezioni. «Siamo tranquilli – ha detto Fortier – e ci auguriamo che di questa vicenda si occupi il Verificatore generale».

Parole che non hanno, come detto, placato le polemiche. Secondo i partiti dell’opposizione, al di là dei problemi di natura tecnica, il governo dovrà rispondere «dell’aumento drastico dei costi, del numero di impiegati amministrativi e degli interventi sulle banchine»: un disastro economico, in poche parole, provocato dalla scelta di un traghetto «sul quale è giusto indagare».

CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO PRECEDENTE