SERVICES

Saipem 12000, Cipro: «La Turchia viola il diritto internazionale»

Nicosia - Il presidente della Repubblica di Cipro, Nicos Anastasiades, ha accusato la Turchia di aver violato «il diritto internazionale» anche se il governo intende risolvere con la diplomazia e calma la crisi innescata ieri.

Nicosia - Il presidente della Repubblica di Cipro, Nicos Anastasiades, ha accusato la Turchia di aver violato «il diritto internazionale» anche se il governo intende risolvere con la diplomazia e calma la crisi innescata ieri quando unità della marina militare di Ankara hanno bloccato la nave per prospezioni petrolifere in mare “Saipem 12000”, che ha in programma attività di perforazione per conto di Eni nel blocco 3 nelle acque della Zona Economica Esclusiva di Nicosia. «Stiamo - ha dichiarato Anastasiades - mantenendo la calma per evitare qualsiasi crisi e stiamo compiendo tutti i passi diplomatici necessari affinché alla fine il diritto alla sovranità (territoriale) della Repubblica di Cipro possa essere rispettato. Stiamo gestendo la situazione cercando di evitare qualsiasi cosa che possa peggiorare la situazione senza ignorare il fatto che l’azione della Turchia viola il diritto internazionale».

Da parte sua la Turchia - che nel 1974 occupò militarmente la parte nord dell’isola creando la autoproclamata e non riconosciuta dalla comunità internazionale, Repubblica Turca di Cipro del Nord - ribadisce la sua ferma opposizione alle trivellazioni al largo delle coste di Cipro. Il ministero degli Esteri di Ankara ha emesso quest’oggi un comunicato con cui si invita a rispettare «l’inalienabile diritto vantato dai turchi ciprioti» ad effettuare ricerche di gas naturale al largo dell’isola. Il comunicato accusa il governo greco cipriota di «mettere a rischio la stabilità della regione est del mediterraneo» chiedendo alle «compagnie straniere coinvolte in ricerche illegittime di rinunciare» in modo da colpire la strategia greco-cipriota, definita «improduttiva e dannosa» al fine della soluzione dei problemi politici dell’isola.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››