SERVICES

«Ferrovie e servizi, i traffici crescono così» / IL COLLOQUIO

Trieste - Non solo container, ma anche e soprattutto traffico ro-ro non accompagnato. Per Zeno D’Agostino, presidente dell’Autorità di sistema portuale del Mare Adriatico Orientale e numero uno dello scalo giuliano, le Autostrade del mare rappresentano «il futuro per i traffici marittimi che toccano Trieste»

Trieste - Non solo container, ma anche e soprattutto traffico ro-ro non accompagnato. Per Zeno D’Agostino, presidente dell’Autorità di sistema portuale del Mare Adriatico Orientale e numero uno dello scalo giuliano, le Autostrade del mare rappresentano «il futuro per i traffici marittimi che toccano Trieste, l’unico porto in Italia con caratteristiche internazionali perché gli altri, anche con numeri importanti, fanno sostanzialmente cabotaggio nazionale». «La forte integrazione intermodale e l’efficienza del nostro sistema ferroviario - spiega D’Agostino - garantiscono ai nostri clienti soluzioni che non si trovano in nessun altro porto d’Italia, motivo per cui Trieste è destinata a crescere nel tempo non solo in termini di quantità di volumi movimentati, ma anche nella qualità offerta alle aziende che operano nel sistema logistico».

Proprio la competitività nel trasporto intermodale, lo sviluppo delle Autostrade del mare e quali finanziamenti europei sono a disposizione delle aziende che operano nel mondo dello shipping e della logistica, saranno i principali argomenti che sono affrontati oggi, 28 marzo, alla Stazione marittima di Trieste, in occasione del primo Forum “Motorways of the Sea - The maritime dimension of the Ten-T Network”, organizzato dalla testata online The MediTelegraph in cooperazione con la Regione Friuli Venezia Giulia e l’Autorità di sistema portuale del Mare Adriatico Orientale. Le iscrizioni all’evento hanno già raggiunto le 200 unità con operatori provenienti anche da Turchia, Egitto, Austria e Germania. I lavori inizieranno alle 9 e si concluderanno alle 18. Tra i relatori, oltre a D’Agostino, Brian Simpson (coordinatore Ue per le Autostrade del mare), Debora Serracchiani (presidente Regione), Francesco Benevolo (direttore Ram), Alessandro Marino (segretario generale Camera di commercio Italo-Tedesca) e Giuseppe Peleggi (Agenzia delle dogane).

Nel primo mese di quest’anno, il porto di Trieste ha fatto registrare una netta crescita rispetto allo stesso mese del 2016. Nello specifico i contenitori sono saliti a quota 38.292 teu (+20,99%), mentre complessivamente la movimentazione merci a gennaio 2017 è stata di 5.139.356 tonnellate (+8,66%). Bene le rinfuse liquide (+12,23%), così come le merci varie (+11%). Aumento a due cifre anche per i treni: 629 nel gennaio scorso (+16,70). «Nonostante una situazione geopolitica piuttosto complicata che riguarda almeno la metà dei Paesi che si affacciano sul Mediterraneo - prosegue il presidente del porto di Trieste - dal punto di vista commerciale, della logistica e dei trasporti, in un momento di crisi come questo tra la Turchia e alcuni Paesi dell’Europa, il ruolo dell’Italia e in particolare di Trieste, potrebbe diventare strategico». «La Turchia ha bisogno di Europa - spiega D’Agostino - e Trieste è il porto naturale per tutti quei traffici che arrivano da Sud e sono diretti verso i mercati del Centro Europa, ma non solo». Lo scalo giuliano è sicuramente il porto italiano dove, anche negli ultimi mesi, aziende turche operative nel settore logistico - come Ekol e U.N. Ro-Ro - hanno maggiormente investito. «Si tratta di gruppi che ormai non sono solo clienti delle nostre banchine, ma sono diventati partner a tutti gli effetti: soggetti con i quali si può parlare di sviluppo ma che soprattutto spingono per la crescita del sistema portuale triestino», sottolinea ancora una volta il presidente del porto.

Non a caso, al primo forum “Motorways of the Sea - The maritime dimension of the Ten-T Network” (le iscrizioni gratuite si accettano ancora sul sito www.themeditelegraph.com) , sarà dato grande risalto agli ottimi rapporti commerciali fra Trieste e la Turchia, relazioni che consentono allo scalo di avere una visione d’insieme di tutte «le catene logistiche che vanno da Istanbul fino alla Scandinavia e San Pietroburgo», chiude D’Agostino.

(Credit: FAQ Trieste)

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››