SERVICES

Achille Onorato: «Più Sardegna nel nostro futuro» / INTERVISTA

«È troppo presto per avere indicazioni definitive. Di certo anche il turismo da e per la Sardegna ha sofferto della recessione che ha colpito il settore in Italia».

IL GRANDE esodo è finito, ormai a fine estate le compagnie cominciano a compilare i bilanci. Soprattutto i traghetti. Achille Onorato, figlio di Vincenzo e amministratore delegato di Moby Lines, è l’uomo di punta del gruppo che mette insieme Moby e Tirrenia: una flotta di oltre 30 navi, contando anche i ferry di Toremar, la “piccola” della galassia Onorato che collega le isole della Toscana. Qualche segnale c’è, manca però una vera ripresa anche in termini economici.

La stagione è quasi terminata, si contano più i rientri delle partenze. Com’è andata?
«È troppo presto per avere indicazioni definitive. Di certo anche il turismo da e per la Sardegna ha sofferto della recessione che ha colpito il settore in Italia. Le prime analisi sull’andamento dei traghetti da e verso le principali destinazioni turistiche, specie in Sardegna, evidenziavano una flessione, rispetto alla quale abbiamo registrato un netto recupero a fine luglio e in agosto. In termini generali il numero dei passeggeri da e per le isole è nettamente inferiore e “meno pagante” rispetto a quattro o cinque anni addietro».

Due marchi storici dell’armamento italiano stanno per fondersi. Cosa cambierà con il matrimonio di Moby e Tirrenia?
«Dal punto di vista strettamente operativo nulla. Dal punto di vista dell’assetto legale si tratta di un segnale importante di attenzione alla Sardegna - che fra l’altro beneficerà del trasferimento di Moby e di Tirrenia attraverso l’acquisizione di importanti entrate fiscali - sempre più al centro dei progetti di sviluppo del gruppo Onorato. Sardegna rispetto alla quale Moby e Tirrenia hanno investito e stanno investendo in modo sinergico anche nello sviluppo del territorio e nello sforzo massiccio di una destagionalizzazione del turismo nell’Isola. In questa ottica lo sforzo in atto di offrire tariffe sempre più basse rappresenta il pilastro della strategia del gruppo».
REGISTRATI PER CONTINUARE A LEGGERE GRATUITAMENTE

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››